Cesare Bocci interpreta Romolo Murri

Print Friendly, PDF & Email

cesareNon consisterà solo in una rappresentazione teatrale la giornata che il Centro Studi Romolo Murri, organizza per domenica 26 settembre, a Gualdo di Macerata.

Se lo spettacolo in cui Murri è interpretato da Cesare Bocci, noto attore di teatro e televisivo (Il commissario Montalbano, Elisa di Rivombrosa, Io e mamma ecc.), in effetti due sono gli appuntamenti organizzati nell’ambito di questa iniziativa.

Da una parte c’è il Convegno di Studio, il  dodicesimo, che, come accade ormai da diversi anni, vede la partecipazione di importanti docenti e ricercatori accademici, dall’altra, uno spettacolo che omaggia con l’arte la figura del Sacerdote marchigiano.

La Giornata dedicata al Murri, si apre alle ore 10 con il convegno intitolato “Il modernismo che non muore”.  Il titolo chiarisce subito il tema sul quale verte l’incontro, il modernismo, ovvero quella corrente di pensiero, di cui il Murri è indicato come uno dei principali esponenti in Italia, che si sviluppò agli inizi del XX secolo, auspicando un radicale rinnovamento della Chiesa cattolica e della religione.

romoloPio X, definì tuttavia tale movimento “sintesi di tutte le eresie”, tanto che coloro che vi aderirono, furono, come accadde al Murri, scomunicati, sospesi a divinis o comunque sollevati dagli incarichi di insegnamento. Ad approfondire gli aspetti legati a questa tematica saranno il prof. Filippo Mignini, docente del Dipartimento di Filosofia dell’Università degli Studi di Macerata, nonché consulente scientifico del Centro Studi, con un intervento su “Romolo Murri e il modernismo“. A seguire il prof. Giovanni Vian, del Dipartimento di Studi Storici dell’Università     Cà    Foscari     di    Venezia, presenterà una relazione su “Il modernismo e Romolo Murri: dalla crisi di inizio novecento al presente”. Infine il prof. Alberto Melloni, docente dell’Università di Modena – Reggio Emilia tratterà il modernismo visto dalla storia e le metafore sul nesso chiesa/modernità.

“Aspettiamo un’altra generazione di italiani”, è il titolo invece dello spettacolo, previsto per le ore 17 presso il Teatro Comunale della cittadina.
C’è grande attesa per questo evento, sia per la particolarità del testo teatrale, tratto  dalla regista Gabriela Eleonori dai documenti originali del Murri, che per i protagonisti. Tra gli interpreti oltre a Cesare Bocci nel ruolo del Sacerdote, sul palco, ci sarà Giovanni Moschella, nel ruolo di antagonista.
Entrambi sono due attori molto amati dal pubblico e legati al territorio marchigiano. I telespettatori hanno potuto recentemente seguirli sulle reti Rai, in alcune delle puntate della serie “Il Commissario Montalbano”.
Insieme a loro, il percussionista Francesco Savoretti. Riprese e montaggio di Antonio De Luca.

L’ingresso allo spettacolo è gratuito.

La XII Giornata di Studio su Romolo Murri, è organizzata dal Centro Studi Romolo Murri, in collaborazione con l’Associazione Teatrale Foyer di Vincenzo Fazio e patrocinata dal Ministero per i beni e le attività culturali, dalla Regione Marche, dalla Provincia di Macerata, dalla Comunità Montana dei Monti Azzurri e dai Comuni di Gualdo, Roma, Ancona, Fermo, Montegiorgio, Monte San Pietrangeli e Recanati e della Banca delle Marche. Non solo,  vista la rilevanza culturale, la Giornata gode del patrocinio dell’Università degli Studi di Macerata e si pregia di essere una delle poche iniziative nazionali ad avere il patrocinio del 150° anno dell’Unità d’Italia.

DOMENICA 26 SETTEMBRE H. 10
SINTESI DEL PROGRAMMA DELLE INIZIATIVE

Ore 10.00 Convegno

IL MODERNISMO CHE NON MUORE

Romolo Murri e il modernismo
prof. Filippo Mignini
Università di Macerata

Il modernismo e Romolo Murri: dalla crisi di inizio novecento al presente
prof. Giovanni Vian
Università Cà Foscari Venezia

Il modernismo visto dalla storia e le metafore sul nesso chiesa/modernità
prof. Alberto Melloni
Università di Modena – Reggio Emilia

ore 17.00 Teatro comunale – Omaggio Teatrale a Romolo Murri

ASPETTIAMO UN’ALTRA GENERAZIONE DI ITALIANI

con Cesare Bocci e Giovanni Moschella
regia Gabriela Eleonori
percussioni Francesco Savoretti
riprese e montaggio video Antonio De Luca

Tatiana Albani e Feliziani Anna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*