Vite straordinarie: Sandra Mondaini

Print Friendly, PDF & Email

E’ il  tam tam mediatico che riecheggia nell’aria, tutti parlano della sua morte, tutti ne sono scossi e i media fanno da cassa di risonanza a quei sentimenti di dolore che trovano sfogo  rimbalzando da un blog all’altro, da un programma Tv all’altro, tutti  invisibilmente uniti.

Elena Guarnieri, dallo Studio5 di Cologno Monzese, le dedica la serata di “Vite straordinarie”, partendo dalle ultime immagini, quelle del dolore, della disperazione, del pianto e dell’urlo straziante al funerale di : Raimondooooo!

Tutti unanimi nel constatare che non si può camminare da soli, dopo 52 anni di vita insieme, anime gemelle, un duplicato nella vita e nel lavoro, coppia perfetta, uniti e la tempo stesso autonomi.  Cinque mesi è durata la loro separazione, accompagnata  dalla sensazione altrettanto unanime, dell’inevitabile prossima fine.  Che sarebbe successo c’era già in quel grido e in quella mano posata sulla bara, in un ultima impossibile carezza!

Il vero amore non può stare solo e senza quel suo uomo speciale, la vita aveva un altro sapore.

Nello stesso studio che è stata la loro casa televisiva, tanti amici la ricordano, volti resi sorridenti da un dolore già  elaborato, l’impressione dell’inevitabile, confermato, con in  più una sorta di certezza, che ora Sandra sia felice e sia tornata a vivere.

Una coppia indissolubile, un rapporto di rispetto, sensibilità, intelligenza, raro e ancora una riflessione ci accomuna, non si riesce a parlar di Sandra senza Raimondo  e viceversa, sempre la coppia, mai soli.

Una complicità totale, cresciuta sotto i riflettori, dal cinema al teatro per finire in Tv. Scaramucce in scena, che mettevano in scena la quotidianità , lei che stuzzicava, lui che sopportava, per superare tutto con ironia. Protagonisti del varietà hanno fatto ridere, con i loro battibecchi, nei quali era difficile distinguere la finzione dalla realtà. Spalla l’uno dell’altra, hanno costruito un’esistenza insieme, sempre accanto. Coppia sempre, mai uno!

“Casa Vianello” è stato il “primo vero reality” della storia televisiva, racconti di vita vera, una comicità dosata, equilibrata, una meravigliosa leggerezza impalpabile che, faceva trapelare l’allegria dello stare assieme, mischiato a quel qualcosa di non vero. Sensibili, graffianti, battaglieri, fianco a fianco, sempre.

Mai sopra le righe,  hanno saputo entrare nelle nostre case facendoci ridere, divertire e sognare. Battibecchi che hanno tenuto incollati alla televisione milioni di telespettatori e ora quegli stessi spettatori, li vogliono ricordare con moltissimi  messaggi di cordoglio espressi per dire addio ad una grande attrice, ad una donna del mondo dello spettacolo, ad una coppia che è nel cuore di tutti noi.

Un ricordo televisivo sorridente, come meritano due grandi artisti, che lasciano l’impronta di una grande pagina della Tv che se ne

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*