L’Oncoibla Padua Ragusa c’è

Print Friendly, PDF & Email

padua_ceEra nata come un’amichevole contro la Nissa; poi, con la partecipazione dell’Amatori Catania, era diventato un triangolare. Oggi, sorpresa, il triangolare si è trasformato nel 1° Torneo dell’Amicizia.

Com’ era prevedibile, viste le formazioni partecipanti, ad aggiudicarselo sono stati i catanesi.

La sorpresa, invece, ma più che tale potremmo definirla una conferma, è arrivata dell’Oncoibla Padua Rugby Ragusa, che ha conquistato la seconda piazza, ma soprattutto ha disputato tre ottimi incontri dimostrando di essere già in palla, mettendo al contempo in mostra un gioco di qualità, grazie al quale è riuscito a vincere i due incontri alla sua portata (Nissa ed Enna) e giocando quasi alla pari contro l’Amatori.

La formula del torneo prevedeva che tutte le squadre si incontrassero con partite da un solo tempo di 25 minuti e non era consentito sia trasformare le mete che piazzare i calci di punizione.

Ad aprire le ostilità sono stati l’Amatori Catania e la Nissa, che hanno dato vita ad un incontro pressoché  dominato dai catanesi che hanno fatto valere il loro maggior tasso tecnico. 4 mete a zero il risultato finale.

Poi sono stati i ragusani ad affrontare la corazzata etnea. Quest’incontro è stato più equilibrato, rispetto al precedente, e l’Amatori ha dovuto sudare le proverbiali sette camicie per aver ragione dei giocatori in maglia azzurra. Solo 2 le mete per i catanesi, contro zero per i ragusani, che però hanno disputato una grande partita tutta votata al contenimento, non disdegnando, di tanto in tanto, qualche incursione nel campo avversario. Non a caso, fino alla seconda meta, arrivata solo allo scadere, nelle facce della panchina etnea si leggeva la sorpresa per lo striminzito risultato fino a quel momento maturato.

Nel terzo incontro l’Amatori Catania ha giocato contro l’Enna. È stata, questa, una partita senza storia, che si è chiusa con sei mete marcate dai biancorossi contro nessuna dei gialloneri.

Si è quindi giocata la partita forse più interessante di questo torneo, quella cioè che vedeva di fronte la squadra di casa contro l’Oncoibla Padua.

L’incontro è stato piuttosto equilibrato, anche se si è giocato molto spesso nella metà campo nissena. La vittoria alla fine ha arriso alla squadra iblea grazie a una meta segnata proprio allo scadere, in una situazione di gioco rotto, da Peppe Iacono che è stato bravo a saltare in slalom l’intera difesa nissena. Da segnalare, purtroppo, l’uscita dal campo per infortunio dell’azzurro Gabriele Calamaro.

Poi, a scontrarsi sono stati la Nissa e l’Enna. Anche in questo caso si è trattato di una partita equilibrata vinta dalla squadra di casa per una meta a zero.

Infine Oncoibla Padua Rugby Ragusa ed Enna hanno dato vita all’ultimo incontro della giornata, vinto dai ragusani per due mete a zero, la prima segnata da Comitini, bravo a prendere l’ovale da una mischia sui cinque metri ennesi e ad andare a schiacciare in meta, la seconda da Cassarino, che ha finalizzato un’azione lanciata dai propri 22 da Peppe Iacono e portata poi avanti da Lo Presti.

Alla fine, Peppe Gurrieri, allenatore della squadra iblea, si è dichiarato abbastanza soddisfatto per quanto fatto dalla sua squadra: «Non eravamo venuti qui per vincere e il secondo posto ci fa piacere. Ma il nostro obiettivo era quello di testare la squadra, fare il punto della situazione. Ho visto una buona squadra, anche se l’intensità e la qualità del nostro gioco sono state leggermente inferiori a quanto mi aspettavo. Non sono però assolutamente preoccupato per questo perché siamo ancora solo alla prima uscita e sono sicuro che già domenica, per il debutto in campionato, le cose andranno ancora meglio. Sono molto soddisfatto per quanto ha fatto la mischia, ho visto che c’è invece ancora qualcosa da affinare negli schemi dei trequarti. Nell’insieme, comunque, la giornata è stata positiva. Mi spiace solo per Calamaro che ha avuto una forte distorsione alla caviglia. Speriamo possa recuperare al più presto».

(Nella foto, la meta di Peppe Iacono)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*