Buoi e asini

Print Friendly, PDF & Email

immondizia

Sembra che in Rai, o quanto meno a Ballarò, siano dei mistificatori. Questo, almeno, è l’opinione del nostro Presidente del Consiglio, che ieri sera ha pubblicamente manifestato questa sua certezza proprio a Ballarò, dove si discuteva dell’immondizia di Napoli.

I mistificatori sostenevano che il problema della monnezza fosse ancora irrisolto, il nostro Presidente del Consiglio era invece sicuro che su questo tema si stesse facendo della mistificazione (“Il servizio che avete mandato in onda è mistificatorio avete fatto vedere una mia garanzia circa la soluzione di un problema in dieci giorni e circa la soluzione di un altro problema in tre giorni. In dieci giorni, attraverso il nostro Dipartimento della Protezione civile, siamo intervenuti, abbiamo rimediato alla situazione ed evitato che i rifiuti producessero miasmi. E abbiamo risolto la situazione intorno al Vesuvio alla fine del nono giorno. Tre giorni fa avevo detto che i rifiuti dal centro di Napoli, dovuti all’inefficienza delle aziende delegate dal Comune, sarebbero stati rimossi, siamo intervenuti con l’esercito e sono stati rimossi, le nostre promesse sono state mantenute”).

Io non so se le strade di Napoli siano veramente sgombre o meno, non vado nel capoluogo campano da diversi anni, ma ho visto immagini, guardato foto, ascoltato interviste, e tutto mi sembra tranne che le vie di Napoli siano linde. Ma, lo sappiamo, la Sinistra è onnipresente e mistificatrice, così non sarei sorpreso se immagini, foto e parole fossero state falsificate.

Sinceramente, però, mi viene difficile dare ancora fiducia a chi ha detto di aver creato un milione di posti di lavoro, a chi dice di aver abbassato le tasse, a chi sostiene di aver già ricostruito L’Aquila, a chi afferma di essere vittima di un complotto della magistratura.

Per dirla con un’espressione che usiamo noi che viviamo qui sull’Isola, nella disputa di ieri sera tra il nostro Presidente del Consiglio e Giovanni Floris, mi è sembrato che ‘u voi rici curnutu ‘o sceccu, il bue dica cornuto all’asino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*