Il Dalai Lama in pensione

Print Friendly, PDF & Email

images

Dalla città di Dharamsala (India) nella quale risiede ufficialmente dopo la  fuga dal Tibet il Dalai Lama ha annunciato che entro sei mesi si ritirerebbe dalla vita pubblica sperando cosi di poter tornare da privato cittadino a morire nella sua patria.

In realtà  la singolarissima credenza religiosa  sulla quale si basa la sua autorità rende molto problematica la sua andata “in pensione”, come hanno titolato i giornali di tutto il mondo. Infatti Il Dalai Lama non è né carica elettiva né ereditaria: alla morte di un Dalai Lama una commissione di indovini cerca il bambino in cui l’anima del defunto si sarebbe reincarnata. Pertanto  il Dalai Lama sarebbe da 14 generazioni sempre  la stessa persona incarnata in corpi diversi. Per questo non può ritirarsi semplicemente a vita privata come qualunque altro leader della terra con la conseguente designazione di un  successore: se non muore, evidentemente, la sua anima non può reincarnarsi.

In questo contesto che significa questo annuncio di ritiro? Potrebbe essere l’implicito  abbandono di questa pretesa di eternità, di reincarnazione e quindi il passaggio a una designazione  come per qualunque altra autorità della terra. Interrogato su questo punto, se egli sarebbe stato l’ultimo dei Dalai Lama reincarnato, ha risposto alquanto evasivamente: ammette che la sua anima possa reincarnarsi in qualche altro bambino ma anche che l’autorità potrebbe passare comunque  ad altra persona che non sarebbe la sua reincarnazione.

Ci si orienta per la nomina di un coadiutore, di un “vice”  che alla sua morte erediterebbe la sua autorità e che  nel frattempo la gestirebbe in suo nome.

In pratica il Dalai  Lama ha già delegato tutta la gestione politica al parlamento di  Dharamsala: egli resta solo la figura simbolica conosciuta e rispettata in tutto il mondo.

Le autorità cinesi riconoscono come capo spirituale dei tibetani il  Panchem Lama: questi  secondo la tradizione   è la seconda autorità religiosa del Tibet. Quando il Dalai Lama  fuggì, egli rimase invece nel Tibet sperando di mediare con i cinesi: alla sua morte,  pero, i cinesi fecero  sparire il bambino riconosciuto come la sua reincarnazione e nominarono tale un altro bambino che pare non appartenga nemmeno alla  etnia tibetana e  scelto  del tutto arbitrariamente.

Il Dalai Lama quindi probabilmente vuole evitare che alla sua morte, non riconoscendosi più un successore legittimo, la sua autorità passi al Panchem Lama di nomina cinese.

In ogni caso quello che pare profilarsi è che l’antica tradizione della reincarnazione  del supremo capo politico e religioso del  Tibet finirà con l’attuale Dalai Lama: troppo difficile mantenere una tale  credenza nel mondo moderno.

Vedi anche:  Il Panchem Lama, chi  è costui? (http://www.italianotizie.it/?p=12118 )

—————————

Foto da Karmapa, sito  del Dalai Lama: il parlamento tibetano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*