Anniversario della nascita di Mao

Print Friendly, PDF & Email

P201012271506261850025508

Il 26 dicembre  in tutta la Cina è stato celebrato il 137° anniversario della nascita del Mao Zhuxi (il Presidente Mao) come viene universalmente indicato  Mao Zedong (grafia precedente : Mao tse- tung).

La stampa riporta di manifestazioni celebrative un po’ dovunque ma quasi nessun accenno alla sua opera e tanto meno al suo pensiero: Mao Zedong diviene sempre più una icona, un personaggio mitico come un antico imperatore di cui si sa poco  ma si onora come padre  della patria.
Dal 1976, anno della sua morte, la Cina è cambiata profondamente: i giovani  hanno idee piuttosto vaghe su quello che è stato effettivamente il maoismo e solo i più anziani ricordano quei tempi alcuni con sincera nostalgia  per un periodo della loro giovinezza nella quale gli ideali erano importanti e non i tassi di profitto, un po’ come avveniva da noi negli anni Sessanta dopo il miracolo economico ma in misura incomparabilmente più ampia.

Il centro dei festeggiamenti è stato il villaggio di Shaoshan, luogo di nascita di Mao. Ai  visitatori arrivati alla mattina presto è stato offerto un piatto di tagliatelle secondo  una tradizione cinese per festeggiare i compleanni perché rappresentano la longevità.
Nello Hunan, turisti e cittadini si sono recati nell’isola di Juzizhou nel mezzo del fiume Xiangjiang dove è stata eretta un anno fa una statua di Mao di  32 metri di altezza: sono state recitate poesie di Mao e sono stati eseguiti  canti e danze in suo onore.

Molti utenti di  Internet hanno lasciato messaggi e presentato “fiori cyber” alla pagina memoriale in messaggi come “Sarai sempre vivo nel cuore della gente e noi sarà  cara la memoria di te per sempre”.

——————————-

Un gruppo di anziani intona “L’oriente è rosso”   in perfetta tenuta di comunista d’altri tempi ( foto Xinhua).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*