Print Friendly, PDF & Email

jagopuntootello“…E se vedessimo la questione da un’altra o altre prospettive? Se tutto partisse da un’ingiustizia, perpetrata a discapito di Jago? Da un mancato riconoscimento di un merito, del suo merito? Se un accadimento di questo genere fosse causa profonda di uno sconvolgimento interiore tale da indurre a reazioni forti, addirittura macchinazioni portate a conseguenze estreme senza più possibilità di controllo?…”: da questo nuovo punto di vista nasce “IAGOpuntoOTELLO”, dall’ “OTELLO” di William Shakespeare, spettacolo presentato il 27, 28 e 29 dicembre in prima nazionale al teatro E. Piscator di Catania dallo stesso teatro e da Cratere Centrale, un’associazione culturale, fondata da Fiorenzo Fiorito nel 1995, come “centro mediterraneo di ricerca e antropologia culturale”.

Fiorenzo Fiorito ne è anche l’unico protagonista aiutato dalle voci (registrate) di Tiziana Bellassai, Giuseppe Carbone, Alberto Nicola Orofino  e Carmela Silvia Sanfilippo che è anche l’assistente alla regia, le creazioni in studio musicali e sonore sono di Peppe Arezzo, le foto di scena e la locandina sono di Francesco Maria Attardi e la regia di Nicola Alberto Orofino.

Solo una sedia su cui è appoggiato un impermeabile bianco, in contrasto con il total black sia delle scene che dell’abbigliamento del protagonista, e un leggio sono gli elementi che aiutano Fiorenzo Fiorito a delineare i protagonisti principali della nota vicenda: Jago, Otello e Cassio. Fiorito, con la sua ormai consolidata bravura attoriale, sceglie di caratterizzare i tre personaggi con differenti accenti linguistici oltre che indossando quell’impermeabile bianco in modi diversi cosicché il suo non risulta più un monologo ma un concerto a tre voci in cui si inseriscono le voci registrate e stacchi musicali ad hoc.

Fiorito, prima di iniziare, ha voluto dire al suo pubblico che quello recitato ieri sera era solo un assaggio, una parte dell’intero spettacolo che andrà in scena, probabilmente, alla fine di gennaio e a cui ci ha invitato sin da ora: se la buona giornata si vede sin dal mattino siamo sicuri che Fiorito, insieme a Orofino, ci regaleranno un prodotto di rara qualità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*