La Cina in soccorso dell’euro

Print Friendly, PDF & Email

P201012220805002769224861

Il ministro Vice Premier cinese Li Ke-qiang ha dichiarato ieri che la Cina è disposta a comprare titoli del debito pubblico spagnolo malgrado i timori per la tenuta dell’economia. Durante il vertice di Pechino fra UE e Cina del 21 dicembre 2010, il ministro del commercio cinese Chen Deming si era detto molto preoccupato del fatto che la crisi del debito europeo possa essere gestita e controllata efficacemente.

La Cina si è dichiarata quindi disposta ad assumere un ruolo chiave nella crisi del debito europeo: la Cina è la seconda economia più grande del mondo ha la più grande riserve di valuta estera del mondo e parte significativa delle quali è investito in euro. Il Governo cinese ha dato pieno sostegno alle misure assunte dall’Unione europea e dal Fondo monetario internazionale per stabilizzare i mercati finanziari, e ha intrapreso subito azioni concrete per aiutare alcuni paesi europei a fronteggiare la crisi del debito sovrano.

Nel mese di ottobre il premier cinese Wen Jiabao si era impegnato a sostenere la Grecia, in crisi all’inizio di quest’anno quando gli investitori hanno temuto per il suo debito pubblico e durante una visita a Lisbona lo scorso mese, il presidente cinese Hu Jintao ha promesso di aiutare il Portogallo a combattere la crisi finanziaria. Il premier Wen Jiabao ha sottolineato che la Cina sostiene sempre un euro stabile e non ridurrà le riserve di obbligazioni europee.

Per poter contare sul sostegno cinese, l’Europa dovrà tenere sotto controllo i conti pubblici, non indebitarsi indiscriminatamente e adottare le misure di risanamento necessarie in tempi rapidi.

Un’eventuale crollo dell’euro, potrebbe avere un impatto negativo rilevante sulle esportazioni cinesi verso il mercato europeo, e inoltre in questo modo la Cina mette una importate ipoteca politica oltre che economica su tutta l’Europa.

Nei primi undici mesi di quest’anno l’interscambio ha segnato un incremento del 30%. L’UE è stata il principale partner commerciale della Cina da sei anni e l’investitore al quarto posto, mentre la Cina è il secondo mercato d’esportazione dell’’E0: il surplus commerciale della Cina per gli undici mesi di quest’anno con l’UE è stato pari a $ 131.000.000.000.

———————–

Foto Xinhua: vertice UE Cina in Pechino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*