L’alfa-carotene previene il cancro e le malattie cardiache

Print Friendly, PDF & Email

 

Carote, zucchine, patate dolci e kiwi sono un toccasana per la salute perché contengono un potente antiossidante, che riduce significativamente il rischio di morte per malattie gravi come quelle cardiache o il cancro.

La sostanza contenuta si chiama alfa-carotene ed è sconosciuta al grande pubblico, che magari conosce la “cugina” beta carotene. Entrambe appartengono alle carotenoidi che nelle verdure danno il caratteristico colore.

Il nuovo studio dimostra che l’alfa-carotene svolge un ruolo decisivo nel proteggere il DNA dagli attacchi quotidiani che possono provenire dal fumo, dallo stress e dalla cattiva alimentazione, limitando il danno ai tessuti.

Nel nuovo studio, gli scienziati del Centro per la prevenzione e il controllo delle malattie degli Stati Uniti, hanno scoperto che molte persone hanno meno problemi di salute quando aumentano i livelli di alfa-carotene nel loro sangue e questo indipendentemente dalle abitudini e dallo stile di vita.
I ricercatori hanno analizzato i dati di più di 15.000 americani di età superiore a 20 anni nel periodo 1988-1994, seguendoli poi fino al 2006.

Nel frattempo, più di 3.800 volontari, erano morti. I campioni delle sangue hanno mostrato che coloro che avevano più alfa-carotene nel sangue avevano avuto il 23% in meno di probabilità di morire per qualsiasi causa.
In sostanza l’effetto dell’alfa-carotene riduceva il rischio di sviluppare malattie mortali dal 23% al 39% in proporzione al suo livello nel sangue.

I risultati del nuovo studio sono stati pubblicati nell’edizione online di «Archives of Internal Medicine», nell’edizione stampata saranno pubblicati il 28 marzo 2011.
I ricercatori sottolineano che oltre ad essere contenuto nelle carote, nelle patate dolci, nei kiwi, nelle zucchine e nelle zucche, l’alfa-carotene è contenuto in abbondanza anche nel mango, nel melone e in alcune verdure di colore verde scuro come i broccoli, i fagiolini, i piselli, gli spinaci, i cavolini di Bruxelles e la lattuga.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*