Geniale trasformismo

Print Friendly, PDF & Email

barbareschi_dimissioni

Luca Barbareschi è un bravo attore, con un buon passato artistico alle spalle. Luca Barbareschi è anche uno che ha le sue idee, di destra, e per questo nel 2008 è stato candidato, ed eletto, alla Camera per il Popolo della Libertà.

E quando, alla fine dello scorso anno, Gianfranco Fini decise di dare vita a Futuro e Libertà per l’Italia, Barbareschi divenne uno dei più accesi sostenitori del Presidente della Camera.

Lunedì scorso, l’attore-deputato è stato ospite, ad Arcore, di Silvio Berlusconi e, a seguito di questa visita, le agenzie hanno battuto la notizia che Luca Barbareschi stava per ritornare nel PdL.

Pronta però è arrivata la smentita: “All’incontro con Berlusconi ho parlato della situazione politica e dei diversi problemi che seguo, in particolare la cultura, in tutte le sue espressioni, e le telecomunicazioni. […] Pensare con preoccupazione e con spirito costruttivo ai problemi del Paese non significa cambiare casacca”. E fin qui, nulla dire.

I dubbi iniziano a nascere dopo: “Il mio passaggio in Futuro e Libertà, fin dalla sua fondazione, è stato convinto e chiaro, e ancora oggi credo che quanto annunciato nel Manifesto degli italiani sia ancor di più attuale, solo mi interrogo su alcune scelte successive che sono avvenute in modo repentino e soprattutto troppo poco condiviso”.

Ieri sera Barbareschi, intervistato da Bianca Berlinguer per il Tg3 delle 19, conferma quanto detto il giorno prima ma, incalzato dalla Berlinguer su una voce che circola nell’ambiente circa le sue possibili dimissioni da deputato per far posto al primo dei non eletti, tale Giovanni Marras che, a differenza sua, è un fedelissimo di Berlusconi, Barbareschi ha  risposto “Non mi manca il lavoro, e non solo in Italia. Forse quel che sto pensando di fare, in realtà, è un passo fuori dalla politica, perché il mio rispetto delle istituzioni e della coerenza non sempre, diciamo così, sono gradite in politica. Forse sono più apprezzate fuori che dentro la politica”.

Per chi non lo avesse capito, Luca Barbareschi ha detto che sta per lasciare il suo scranno di Montecitorio, e così facendo il suo voto contro si trasformerà, in modo discreto e indolore (per lui), in un voto a favore per il Governo.

Che grande attore, Barbareschi, che geniale trasformista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*