I sostenitori di Mubarak

Print Friendly, PDF & Email

20112214325675954_20

In Egitto sono scesi in piazza i sostenitori di Mubarak  e si  corre il pericolo che la situazione degeneri in scontri di piazza generalizzati.

Ma chi sono questi sostenitori? Difficilmente si tratta  di cittadini mossi da semplici convinzioni politiche masono , in generale, persone che difendono i propri interessi personali che comunque vanno pure considerati.  Come sempre avviene in casi di rivolgimenti improvvisi e generali anche nel caso delle  rivolte arabe  a cadere non sono soli singoli rais ( Mubarak o Ben Ali ) ma tutta una classe dirigente  che fino ad ora aveva retto il potere e si trova all’improvviso allo sbaraglio.

I rais con famiglie e i più stretti collaboratori  possono facilmente riparare all’estero  dove presumibilmente  hanno  già accumulato  fondi sufficienti per rifarsi una vita agiata. Ma la massa di quelli di più basso grado devono restare  con la prospettiva di perdere la posizione sociale e anche il lavoro stesso, diventare i nuovi poveri ed essere additati come nemici del popolo. Alcuni riescono a fare  immediatamente il grande passo:  saltare sul carro della rivoluzione: è questo fenomeno che spiega anche la caduta improvvisa dei regimi stessi. Altri pero non ci riescono, non ne hanno la prontezza o la possibilità  Tutti costoro quindi sono alla disperazione,  disposti a tutto perchè non hanno più niente da perdere.  Sarebbe saggio  agire con molta cautela e moderazione ma non è facile certamente in una situazione cosi incandescente. In Iraq a la pretesa americana di emarginare tutti gli iscritti al bath ha avuto nefaste conseguenze per  la stabilizzazione del paese costringendo tutti i quadri dirigenti a diventare nemici del nuovo ordine.

Ma i movimenti arabi sono spontanei, mossi da  povertà, disoccupazione oppressione non hanno programmi  definiti, non hanno nemmeno dei leader. Indubbiamente stanno vincendo dovunque: ma che accadrà quando  i nuovi governi che usciranno da essi si troveranno ad  affrontare e a  misurarsi nei fatti con i grandi problemi che affliggono il mondo arabo e che non spariranno di incanto? Nessuno è in grado di fare previsioni, naturalmente : pero pare certo che le rivolte arabe chiudono una epoca cosi come avvenni 20 anni fa con la caduta del muro di Berlino.

—————

Dimostranti pro Mubarak ( foto al Jazeera)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*