“La Venere Rea”, titolo che gioca  sull’assonanza interna ma anche sull’aggettivo “rea” come colpevole e già da qui si intuisce che non sarà un libro “comune”. Oltremodo interessante la scelta stilistica di utilizzare, come forma di scrittura, sia lo scambio epistolare che quello del diario che dell’inserimento di una narrazioneRead More →