Reperti culturali in Cina

Print Friendly, PDF & Email

cina 042

Una Lista Rossa dei beni culturali cinesi a rischio è stato pubblicata dal Consiglio internazionale dei musei (ICOM) a Shanghai.  allo scopo di aiutare musei, collezionisti, commercianti e istituti interessati in tutto mondo ad identificare meglio gli oggetti culturali che sono protetti dalla legge, ma spesso diventano oggetto  di contrabbando. Si mira a rendere più efficace la repressione del  furto del   contrabbando del traffico di reperti culturali cinese.
I reperti  culturale cinesi a rischio sono suddivisi in 13 categorie, : ceramiche, sculture, lavori in metallo, arti popolari, giada, dipinti e calligrafia, iscrizioni, stampe, libri e documenti, componenti per l’edilizia, vernici, monete  e vestiti.. Dal 2000, l’ICOM ha pubblicato  otto liste rosse deli reperti  culturali a rischio in Africa, America Latina e vari paesi asiatici.

Benchè la civiltà cinese sia molto antica il patrimonio dei reperti del passato è molto meno consistente di quello europeo per vari motivi.

Negli ultimi due secoli in Europa si è sviluppata una cultura della antichità che ha  amorevolmente e attentamente recuperato l’antico patrimonio storico. Si pensi che fino al 700 i templi di Paestum e perfino il Colosseo  erano aree a  pascolo. In Cina invece si sono succedute  una serie ininterrotta di catastrofiche guerre e rivoluzioni che hanno praticamente distrutto quasi tutto: l’ultima e più capillare devastazione è stata quella operata  sistematicamente dalle Guardie Rosse  nel corso della Rivoluzione Culturale.  La maggior parte degli edifici storici   che si visitano sono, in realtà, ricostruzioni fedeli fatte degli ultimi anni. Le autorità comunque mettono attualmente una grande cura nel riscoprire  e conservare  con cura tutto ciò che è stato possibile recuperare, segno della ripresa della continuità culturale della Cina moderna con quella del passato, legame che accanitamente e a lungo  il maoismo aveva  cercato di spezzare  definitivamente  ma invano .

———

Foto dell’autore: museo etnografico di Shangai, il più importante della Cina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*