Print Friendly, PDF & Email

Nino Martoglio

O “Voculanzicula” come Martoglio aveva chiamato inizialmente questa sua commedia, una delle più celebri e rappresentate, uno dei suoi grandi capolavori che è arrivata sul palcoscenico del Teatro Comunale di Augusta oggi pomeriggio come terzo appuntamento di “Biatu a cu ci veni”, prima stagione di cabaret e teatro ideata e organizzata da Sergio Sillato.

Un’”Altalena” davvero esilarante ci è stata regalata dalla compagnia del Teatro Stabile di Gravina diretta da Franco Torrisi che si è anche ritagliato un ruolo, quello del barbiere Neli, la “persona ragionevole”, venandolo di dolcezza e simpatia; con lui alla fine si sposerà la protagonista femminile di questa commedia, Aitina, interpretata dalla giovane e brava Laura Laviano che, all’inizio, soffre per amore del fratellastro (che poi si scoprirà non esserlo) di Neli, lo scapestrato Mariddu, che è il convincente Carmelo Seminara. Un applauso in più vogliamo personalmente tributarlo a Gianni Sciuto nella parte di Ninu, compare e collega barbiere di Neli, davvero formidabile, così come a Maria Juvara nella parte di Za Sara, un concentrato di tutte le caratteriste più celebri del teatro italiano. Sergio Sillato ha saputo ben colorare un avventore casuale del salone e brava anche Francesca Marino nel ruolo di Nunziatina, Turi Natoli in quello di Mastru ‘Gnaziu e Pippo Di Maura in quello dell’amico Pitirru.

Vogliamo concludere facendo nostre le accorate parole di Sergio Sillato prima che si aprisse il palcoscenico, un appello agli amministratori locali: il Teatro Comunale, l’unico contenitore culturale della città dopo la chiusura di tutti gli altri teatri, sta letteralmente cadendo a pezzi sia come struttura esterna che come arredo interno e attrezzature mancanti. Il numeroso pubblico presente stasera ha dimostrato di amare il teatro come forma di cultura in alternativa alla tv domenicale, vogliamo fornirgli strutture adeguate?

1 commento

  1. Author

    Errata corrige: aggiungo un trafiletto dimenticato ieri sera…
    “brava come sempre la travolgente Francesca Barresi nel ruolode della madre di Mariddu”
    e chiedo umilmente venia alla carissima Francesca Barresi per non averla citata, rimedio subito, ieri sera il sonno incombente e l’età incipiente mi hanno giocato brutti scherzi…:-(
    e poi proprio Francesca che conosco e applaudo e rcensisco da tanto tempo…:-)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*