L’economia cinese al secondo posto nel mondo

Print Friendly, PDF & Email

201121452650206580_20

Il governo del Giappone ha confermato che nel 2010 il valore nominale del suo prodotto interno lordo è stato inferiore a quello della  Cina, 5,47 miliardi di dollari rispetto ai 6 miliardi annunciato da Pechino, il 20 gennaio quando ha presentato un aumento di oltre il 10 %
La Cina, superato il Giappone, è pertanto divenuta  la seconda  economia del mondo dopo solo a quella degli Stati uniti. La notizia non ha sorpreso perché ormai la cosa era prevista da tempo.

Queste non  significa assolutamente  che i cinesi abbiano in media un reddito tra i più alti del mondo: ci si riferisce infatti al prodotto  lordo nazionale che va diviso per il numero di abitanti  del paese che in Cina, come si sa, è altissimo, intorno a un milione e 300 milioni.

Pertanto il PPP che misura il reddito medio,  per i cinesi è ancor molto basso molto più basso di quanto si creda comunemente. Esso infatti è di appena $ 5.600 pari al malandato Egitto, inferiore a quello della Tunisia in rivolta  ($ 7,200) lontanissima da quello da quello americano ($46,300), giapponese ($33,400) e anche italiano (31,200).

In realtà solo una parte della Cina, le  fascia  costiera, le città hanno avuto uno sviluppo rapidissimo. Ma ai grattacieli sfavillanti di Shangai e Pechino fanno ancora riscontro nelle sterminate campagne una massa di cinesi poverissimi.  Certo non c’è più la fame e la carestia che in certi momenti dei tempi di Mao causarono  milioni di morti  per denutrizione  ma le differenze sociali sono alte  e le tensioni latenti esplosive. Tuttavia a differenza di altri paesi, come quelli arabi, vi è uno sviluppo  molto rapido che attenua tutte l tensioni sociali: tutti hanno comunque un speranza concreta di miglioramento mentre nei paesi arabi invece quello che è venuta meno è stata proprio la speranza del domani, davanti a una regressione economica sempre  più evidente.

Il ministro giapponese della politica economica Kaoru Yosano. ha  dichiarato: “Non stiamo combattendo per essere i primi, ma per migliorare il benessere della popolazione. Da questo punto di vista, accogliamo con favore lì’ascesa della Cina come paese vicino”.
Il Giappone ha preoccupazioni più importanti come far fronte a un debito pubblico aumentato vertiginosamente nel 2010 e il rapido invecchiamento della popolazione, con il suo conseguente impatto sui conti previdenziali.
Con il 23% dei suoi 127 milioni di abitanti superiore ai 65 anni, il Giappone è oggi il paese  a più veloce invecchiamento al mondo. Inoltre, l’Ufficio di Gabinetto giapponese, ha riferito oggi che tra ottobre e dicembre, il PIL del  Giappone è sceso dello 1,1 per cento per la prima volta dal luglio-settembre 2009.

La Banca del Giappone e il governo  concordano  che l’economia sta subendo un rallentamento, ma sperano in un “rimbalzo verso l’alto”.

1 commento

  1. ma delle “condizioni” dei lavoratori cinesi,ne vogliamo parlare?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*