Print Friendly, PDF & Email

39° congresso del Partito Radicale Giornata che si è aperta all’insegna del saluto del primo cittadino di Chianciano, Gabriella Ferranti, che non si è limitata a ringraziare per aver scelto Chianciano come sede del congresso e a salutare in inglese alcuni degli ospiti stranieri convenuti da varie parti del mondo ma ha trasformato il suo intervento in una presa di posizione politica espressa con moderazione di toni ma con chiarezza, molto apprezzato dalla platea dei congressisti. La giornata, che oggi è stata moderata da Marco Perduca e ieri da Emma Bonino con Marco Pannella attento spettatore sempre presente, è proseguita con gli interventi di alcuni degli ospiti stranieri; il più commovente, secondo il nostro personalissimo parere di osservatori, è stato quello dell’ospite egiziano che ha parlato della situazione del suo Paese prima e dopo Mubarak e che è stato applaudito a lungo con calore; e poi ancora quello di Blanca Briceno, venezuelana, che vive in esilio in Italia da molti anni e che non perde occasione per parlare del genocidio silenzioso della sua gente, della delegata di un paese a più sconosciuto come l’Abkazia che in un ottimo inglese ha parlato della sua terra; nel pomeriggio l’intervento del monaco birmano esule in Thailandia, vestito nel suo costume tipico come molti altri ospiti stranieri, e dall’Uganda l’avvocato di Kato, l’attivista gay ucciso poco tempo fa e molti altri ancora. Anche oggi ottimo il lavoro degli interpreti simultanei, necessario, anzi, indispensabile per poter apprezzare al meglio, in cuffia, tutti gli interventi. In serata il congresso si è suddiviso, come da programma, in due commissioni di studio su argomenti importanti i cui lavori proseguiranno per tutta la giornata di sabato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*