Assassinato il ministro pakistano per le minoranze

Print Friendly, PDF & Email

6-Intervento Ministro Bhatti Napoli 15-09-2010Shahbaz Bhatti, l’unico cristiano nel governo pakistano, ministro delle minoranze, è stato assassinato oggi a Islamabad.
Era stato minacciato da gruppi religiosi musulmani in passato perché aveva parlato contro la legge sulla blasfemia nel paese.
L’attacco è avvenuto quando  Bhatti stava lasciando la sua casa per andare al lavoro: tre uomini armati di kalashnikov hanno costretto il conducente ad uscire dal veicolo e poi hanno crivellato il ministro di proiettili: si stanno ancora accertando altri  i particolari

Bhatti aveva in precedenza chiesto maggiore sicurezza, dopo aver ricevuto minacce e dei  colpi erano stati sparati contro  sua casa di Islamabad da parte di ignoti.
Le autorità insistono che a Bhatti  erano stati forniti adeguati misure di sicurezza, ma che il ministro non era stato accompagnato dalla sua sorta  quando l’attacco è accaduto. ma chiaramente ci sono grandi punti interrogativi sulla sicurezza qui in Pakistan.
La legge sulla blasfemia è stata sotto i riflettori dei media internazionali dal mese di novembre, quando un tribunale ha condannato Asia Bibi, una madre di quattro bimbi, cristiana, a morte.
Il 4 gennaio, Salman Taseer, governatore della provincia più popolosa del Punjab, che si era fortemente opposto alla legge e aveva chiesto  la grazia presidenziale per Bibi, era  stato assassinato da una delle sue guardie del corpo.

Dopo che il governatore era  stato ucciso Bhatti aveva  sempre ricevuto minacce di morte. Egli aveva insistito che avrebbe lavorato come al solito e aveva dichiarato . “Noi abbiamo bisogno di stare contro queste forze del terrorismo perché stanno  terrorizzando il paese. Non sto chiedendo  misure particolari di sicurezza. Non posso aver fiducia sulla sicurezza, io credo che la protezione può venire solo dal cielo, perché queste guardie del corpo non possono salvarmi”.
Chiaramente  Bhatti è stato assassinato a causa del suo coinvolgimento nella raccomandazione di emendamenti alla legge sulla blasfemia.
Nessun gruppo ha rivendicato immediatamente l’attentato, ma i canali televisivi privati pakistani hanno  mostrato opuscoli sulla scena dell’uccisione, che sono stati attribuiti a talebani pakistani, con minacce di far fare la  stessa fine per tutti coloro che si oppongono al legge sulla blasfemia.
Sui siti web i leader dei governo hanno condannato l’assassinio .
Farahnaz Ispahani, un vice  di Asif Ali Zardari, presidente del Pakistan, ha detto.
“Questa è campagna concertata per la soppressione di  ogni voce liberale, progressista e umanista in Pakistan È giunto il momento per il governo federale e i governi provinciali di parlare e di prendere una posizione forte contro questi assassini per salvare l’essenza stessa del Pakistan”.

—————

Foto di Bhatti, presa dall’autore dell’articolo in occasione di un convegno tenuto in Italia nel settembre scorso  nel corso del quale ha potuto apprezzare personalmente  le doti di umanità cultura e sensibiità dello Scomparso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*