Gheddafi alla riscossa

Print Friendly, PDF & Email

201131143241731784_20

La specificità della Libia (vedi articolo precedente) ha permesso fino ad ora a Gheddafi di resistere e anzi di passare alla controffensiva. Mantiene il controllo su Tripoli e pare che stia inviando forze fedeli anche nelle province che sono in mano ai rivoltosi nel tentativo di soffocare la rivolta. La battaglia si è accesa, in particolare, nella città di Az Zawiyah che le forze di Gheddafi hanno cercato di riconquistare in duri scontri con i rivoltosi durati sei ore: questi ultimi sarebbero  riusciti comunque  a respingere gli assalitori. Secondo al Jazeera  i cittadini  sono sfilati per  la piazza principale della città inneggiando alla vittoria e  al grido di Allah Akbar [Dio è grande].

Malgrado che numerosi capi tribù, funzionari, ufficiali militari e unità dell’esercito abbiano disertato, malgrado la pressione internazionale sempre più  forte e minacciosa tuttavia Gheddafi resiste anche se difficilmente riuscirà effettivamente a riconquistare il territorio perso. Si materializzerebbe pertanto lo scenario peggiore: nessuno delle due parti riesce  a sopraffare l’altra e quindi tutto scivola in una guerra civile dai tempi e dagli esiti imprevedibili ma che comunque desolerebbe  tutta la Libia e minaccerebbe magari anche altri paesi. Già ai confini della Tunisia e dell’Egitto si affollano ondate  non quantificabili di profughi senza contare quelli che per  mare cercherebbero asilo nel nostro paese.

In questa ipotesi la Libia non potrebbe esportare gas e petrolio né tanto meno onorare i contratti con le imprese occidentali soprattutto italiane che sono già molto in forse.

All’ONU e in Occidente si pensa a interventi militari, oltre alle sanzioni che, come è noto, non hanno mai avuto effetti concreti.  Tuttavia si rischierebbe di impegolarsi in lotte locali cosi come è avvenuto in Iraq e Afganistan oltre a squalificare la stessa sollevazione araba che sarebbe accusata di essere al sevizio degli Occidentali: giustamente il governo turco si è detto assolutamente contrario a soluzioni del genere.

(foto da al Jazeera: truppe fedeli a Gheddafi marciano contro i ribelli)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*