La coppa Barocco all’Oncoibla Padua Rugby Ragusa

Print Friendly, PDF & Email

Vittoria-e-coppa-Barocco

Con la vittoria di ieri sul campo del Syrako Siracusa, che bissa quella del girone di andata, l’Oncoibla Padua Rugby Ragusa ha conquistato la prima edizione della coppa Barocco, il trofeo istituito all’inizio di questa stagione e messo in palio tra le due storiche squadre delle città che sono la culla del barocco siciliano.

«L’idea ci è venuta», ha detto Ciccio Tumino, presidente del sodalizio ibleo, «guardando al mondo anglosassone. Ogni anno, durante il torneo delle Sei Nazioni, Scozia e Inghilterra si contendono la Calcutta Cup, così come Galles, Inghilterra, Irlanda e Scozia giocano per la Triple Crown. Nel nostro piccolo abbiamo voluto emulare queste grandi nazionali mettendo in palio, insieme agli amici del Syrako, un trofeo che abbiamo voluto denominare Coppa Barocco perché il barocco è il nostro passaporto nel mondo».

Una proposta della formazione azzurra, dunque, alla quale ha subito aderito la società aretusea. Dario Spriveri, giocatore bandiera della formazione siracusana: «È una bella iniziativa, non ci abbiamo pensato un attimo ad aderirvi. Anche perché era un’occasione per consolidare i rapporti già buoni tra le due società, confermando, se ancora ce ne fosse bisogno, che il rugby è diverso da ogni altro sport. Mi auguro che quest’iniziativa possa servire da esempio anche per altre società».

Il trofeo è stato consegnato ieri, al termine della partita, ai giocatori iblei da Gianni Amore, attuale Commissario del Comitato Regionale, e sarà conservato nella bacheca del sodalizio ragusano fino al giorno in cui le due squadre si affronteranno nuovamente per la partita di ritorno del prossimo campionato di serie C. Il regolamento della coppa Barocco prevede infatti che il trofeo venga rimesso in palio ogni anno e che se lo aggiudichi la società che avrà vinto entrambe le partite disputate dalle squadre maggiori durante la stagione regolare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*