Qualcosa di sinistra

Print Friendly, PDF & Email

bersanipartitodemo

In queste ultime settimane il Partito Democratico ha chiesto hai cittadini di firmare una petizione in cui si chiede a Silvio Berlusconi di dimettersi. L’hanno firmata in dieci milioni e ieri è stata consegnata a Palazzo Chigi.

Al di là delle belle parole (“Oggi ci sono 10 milioni di firme, domani saranno voti. Alle amministrative ne avremo molti di più che 10 milioni. Del resto Berlusconi dovrebbe essere già andato a casa. E se ancora non c’è andato ce lo manderemo, perché oltre a non saper guidare il Paese ha anche violato la dignità della donna”, Rosy Bindi, presidente del Pd), queste firme non hanno nessun valore legale e per questo non porteranno alle dimissioni un personaggio che, se avesse un minimo di etica, si sarebbe già dovuto dimettere tanto tempo fa.

Averle raccolte è certamente meritorio, ma un’opposizione seria non dovrebbe limitarsi a questo.

Un’opposizione seria, una vera opposizione, avrebbe dovuto comportarsi come tale schierandosi nettamente con le parole e con i fatti nelle tante occasioni in cui è stata chiamata a prendere una decisione.

Avrebbe semplicemente dovuto, per citare Nanni Moretti in Aprile, “dire (e fare) qualcosa di sinistra”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*