Speranze e timori per il Medio Oriente

Print Friendly, PDF & Email

2011226131822797738_20

Tutta l’opinione pubblica occidentale segue le rivolte arabe come un grande film hollywoodiano,  un specie di poema epico annunciata come una storia irresistibile del  trionfo umano, con i rais arabi nella parte dei cattivi e i rivoltosi nella parte dei buoni, (della democrazia , della libertà dello sviluppo): tutti, ovviamente, tengono per i buoni e si rallegrano della loro vittorie in Tunisia e Egitto e si rattristano per l’insuccesso in Libia che si spera fortemente che sia  semplicemente  momentaneo.

A questo stato d’animo si accompagna, però, anche l’ansia e il timore sulla direzione che gli avvenimenti prenderanno che sono ovviante piu presenti a livello di esperti e di governi.

Il fatto è che in Occidente è radicata la convinzione che in Medio Oriente sono possibili solo due prospettive: o governi islamisti fanaticamente nemici dell’Occidente e della  modernità oppure dittature corrotte e impopolari ma comunque  moderniste e  filo occidentali. Una tale convinzione è nata nel 1978 con la rivoluzione iraniana nella quale una rivoluzione salutata come democratica inaspettatamente  è divenuta una repubblica teocratica, l’unica al  mondo, che ha minacciato di espandersi in tutto  il Medio Oriente ed è stata fermata dalle armate irachena di uno dei peggiori dittatori del Medio Oriente: Saddam Hussein  La convinzione si è poi riaffermata divenendo una vera paranoia  con l’11 settembre . In verità la dottrina di  Bush voleva portare la democrazia in Medio Oriente tramite l’effetto domino che avrebbe dovuto partire dall’Iraq invaso. Ma la cosa non ha funzionato: l’effetto domino ha sparso più il terrorismo che la democrazia che resta in Iraq e ancora di  più in Afganistan  un semplice fatto formale.

Anche le esperienze  democratiche, quando si sono avute nel mondo arabo, hanno premiato sempre i fondamentalisti islamici. E’ avvenuto con le elezioni amministrative in Algeria il cui annullamento causò una terribile guerriglia fratricida,  è avvenuto in Palestina dove le elezioni hanno premiato soprattetto HAMAS , un ramo dei Fratelli Mussulmani egiziani , è avvenuto nello stesso Egitto con il successo nelle elezioni dei candidati vicini ai Fratelli Mussulmani  a cui era stato permesso di partecipare.

Il timore  quindi che serpeggia  in Occidente è che, prima o dopo, i partiti islamisti di Egitto e di Tunisia possano vincere le elelezioni e guidare i governi in senso anti occidentale.  E’ vero che i giovani protagonisti  delle rivolte sono quanto mai lontani da ogni fanatismo religioso e decisamente orientati verso la democrazia europea: tuttavia  essi non hanno una organizzazione, ne programmi chiari e sono solo una parte del paese.

Per tutte queste considerazioni l’Occidente  oscilla fra la cautela (Germania, Italia) e l’appoggio deciso e fattivo alle rivoluzioni ( Francia, Inghilterra ) con la speranza  di  accaparrarsi l’alleanza dei governi che nasceranno.

Dobbiamo tener presente che  le rivoluzioni non sono ancora finite. In Egitto, ci sono ancora proteste in piazza Tahrir e il paese è ancora senza una costituzione. in Tunisia scioperi, proteste e disordini continuano ad imperversare, In Libia la guerra civile infuria. Negli altri paesi si manifestano disordini, proteste,le   aperture si  alternano a repressioni, nessuno può dire  quali governi si salveranno e quali invece saranno sommersi dall’onda.
Tutto ancora è  in gioco di giorno in giorno, le situazioni restano sempre piuttosto fluide, in continua evoluzione.
————–
Tunisia: ragazze che dimostrano per il laicismo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*