Print Friendly, PDF & Email

fotocattolica 006Catena Fiorello e Mara Di  Maura: due siciliane a Milano per un 8 marzo nel segno della scrittura e della recitazione.

Difficile credere alla coincidenza ma a volte il caso ci mette lo zampino. Può capitare così che la “lectio magistralis” di scrittura creativa tenuta da Catena Fiorello all’Università Cattolica di Milano coincida con l’8 marzo e che un’attrice, anche lei siciliana come la Fiorello, si trovi per caso di passaggio a Milano. Ed ecco che le due donne, entrambe originarie di Augusta, la Fiorello per adozione e la Di Maura per nascita, si trovano unite nel segno dell’arte.

“Non ci sono regole per diventare scrittori” – sostiene Catena Fiorello- “purtroppo è la sacrosanta verità, ci sono solo percorsi di vita e di arte che ci portano a scrivere semplicemente perché sentiamo dentro di noi l’irrefrenabile spinta ad esprimerci, il bisogno urgente di dire qualcosa. Io non appartengo alla categoria di coloro i quali hanno avvertito in tenera età il sacro fuoco dell’arte, ho semplicemente sentito ad un dato momento di dover raccontare qualcosa attraverso la scrittura e lo stesso dicasi per le altre forme d’espressione artistica.”

Mara Di Maura annuisce al tavolo dei relatori: sa bene a cosa si riferisca Catena Fiorello, cosa voglia dire avere una passione che ti brucia l’anima e non poter fare a meno, anche in mezzo a mille difficoltà, di esprimerla.

“Ecco perché” – prosegue Catena Fiorello – “quando siamo chiamati a tenere una lezione a degli aspiranti e, ci auguriamo, futuri scrittori, abbiamo il dovere di avvertire esplicitamente che non si diventa artisti frequentando i corsi ma che i corsi possono servire solo a fornire degli strumenti e dei consigli o a confrontarsi con chi ha già intrapreso questo percorso.”

E’ schietto e sincero il discorso di Catena Fiorello, limpido e senza giri parole: l’espressione artistica, qualunque sia lo strumento attraverso il quale passi è qualcosa di essenzialmente personale e nasce dall’intima urgenza di comunicare, una necessità che spesso, però, paga poco o male ed è quindi costretta a convivere spesso con altre attività lavorative.

In appendice alla lezione Mara Di Maura è invitata dalla stessa autrice a leggere un passo del romanzo “Picciridda”, successo editoriale di Catena Fiorello, edito dalla Baldini & Castoldi rappresentata in sala dalla signora Dalai in persona.

“Ho debuttato a Catania e ad Augusta” – risponde l’attrice alle domande sulle sue più recenti attività – “con l’atto unico teatrale da me scritto “Allo specchio” il cui tema è il destino che gioca un ruolo essenziale nella vita di ogni artista ma, più in generale, di tutti, un argomento che ho affrontato in chiave leggera ed ironica; è uno spettacolo che conto di rappresentare tra non molto anche a Roma e, perché no, anche a Milano. Inoltre mi divido tra l’attività di attrice e quella d’insegnante di recitazione, in particolare presso l’istituto Mary Poppins di Librino, un quartiere a rischio di Catania.”: le parole di Catena Fiorello trovano un’eco perfetta nel tema dello spettacolo dell’attrice sua compaesana, un’altra coincidenza. Il percorso di un artista dunque non segue delle regole precise, uguali per tutti e ben codificabili ma, proprio come la vita stessa, è fortemente segnato dal caso.

“Ma la costanza prima o poi paga sempre” – aggiunge Catena Fiorello. E le sue parole suonano da vero incoraggiamento per tutti quelli che si esprimono incessantemente solo perché non possono assolutamente vivere senza la propria arte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*