Print Friendly, PDF & Email

cappuccetto verde

“Cappuccetto rosso” risponderete tutti in coro, grandi e piccini.

E invece no, stavolta Cappuccetto Rosso è diventata “Cappuccetto Verde” grazie alla fiabesca fantasia e all’inesauribile energia di Antonella Caldarella (sempre supportata da Steve Cable, suo delizioso consorte insieme in “La Casa di Creta”) che ha scritto il testo e ha curato la regia di questa fiaba teatrale “ecologica” che è andata in scena questo pomeriggio all’auditorio comunale di San Pietro Clarenza per un pubblico di numerosissimi bambini e per i loro genitori.

Splendide le scene e perfetti e colorati i costumi di Susanna Messina e bravissimi i due protagonisti; Tiziana Francesca Vaccaro che ha interpretato sia Cappuccetto Verde che la sua divertentissima nonna e Alfio Zappalà che si è messo nei panni di ben tre personaggi: il formidabile nonno rock, il folletto dei boschi Ninetto e Mr Woolf, il ricco imprenditore che vorrebbe costruire un centro commerciale nel bosco distruggendo tutti gli alberi, uccidendo gli animali che ci vivono e buttando giù anche la casetta dei nonni di Cappuccetto che, con l’aiuto della nonna, riuscirà a fargli cambiare idea e vita.

Come in tutte le fiabe che si rispettino c’è una morale, un messaggio importante: la domenica invece di portare i figli nei vari mega centri commerciali come fossero nuove cattedrali laiche o lasciarli a oziare per ore intere di fronte alla televisione o al computer o ai videogiochi PORTIAMOLI A TEATRO che con i paventati tagli alla cultura rischia di morire.

Oggi è la Giornata Mondiale del Teatro.

1 commento

  1. Una doverosa precisazione: lo spettacolo è una produzione di NAVEARGO una compagnia di Caltagirone con cui La Casa di Creta collabora attivamente e sinergicamente ma sono due realtà distinte. ad Antonella Caldarella è stato commissionato questo lavoro che ha debuttato a Caltagirone e che poi La Casa di Creta ha ospitato nella propria rassegna.
    Ci scusiamo con Nave Argo per questa dimenticanza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*