Print Friendly, PDF & Email

era già tutto previsto

Verga e la sua “Lupa”: un binomio che mette i brividi al solo pensare di portarlo sulle scene dopo tante trasposizioni sia teatrali che cinematografiche, eppure Davide Gullotta, attore  e regista teatrale catanese, ha avuto questo coraggio e si merita i nostri più calorosi applausi e complimenti.

Il suo “Era già tutto previsto”, andato in scena ieri sera al teatro Tezzano di Catania, e ancora oggi pomeriggio alle 18, è una sua libera rivisitazione della celebre novella verghiana ma non intendete l’aggettivo “libera” come una connotazione negativa anzi, al contrario, una rilettura molto fedele del testo originale ma raccontata da un altro punto di vista, quello di un caro amico di Giovanni Verga, un altro grande scrittore verista siciliano: Luigi Capuana.

Davide Gullotta si è avvalso della collaborazione di un gruppo di attori amatoriali di tutto rispetto tra i quali prevalgono, com’è naturale, i tre protagonisti della storia, la Lupa, gna Pina, sua figlia, gna Mara o Maricchia e suo genero, nonché suo amante, compare Nanni. Per se steso Gullotta ha “ritagliato” il ruolo del narratore della vicenda che è, appunto, Capuana.

Il ruolo della protagonista è affidato a una formidabile Grazia Spampinato che riesce a trasmettere una sensualità eccezionale e un amore senza speranza con una recitazione e una gestualità davvero emozionanti e coinvolgenti senza bisogno di ricorrere ad “artifici” già visti come, per esempio, denudamenti finali o make up esagerati, niente di tutto questo.

Insieme a lei bravi davvero Giovanni Santangelo Lacanea, bravo davvero a dar vita a un Nanni dilaniato tra l’amore per la giovane moglie, una timida Giusy Vinciguerra, e l’attrazione fatale per la suocera-lupa.

Vogliamo elencare gli altri componenti del cast in ordine alfabetico per un applaudo collettivo:  Vito Amantia, Nunzio Giordano, Rossella Azzarelli, Simona Puglisi, Claudio Sanfilippo, Santo Maisano, Giuseppe Gumina, Pippo Tomaselli, Gabriella Maugeri, Lucia Signorelli, Samuela Pirrone, Matteo Puglisi, Andrea Longo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*