Mercato cinese dell’auto

Print Friendly, PDF & Email

P201104081611516672223192

Mentre l’industria automobilistica globale sta lottando per riprendersi dalla saturazione dei mercati dopo la crisi economica, il  mercato cinese è divenuto il  più grande e promettente del mondo: la  case automobilistiche internazionali dell’auto lanciano i loro prodotti  con strategie aggressive per conquistarlo.

La Volkswagen  ha introdotto la sua nuova gamma Passat berlina medio-alta, che è fatta su misura per i cinesi : il modello sarà in concorrenza con Toyota Camry e Honda Accord.
La General Motors ha intenzione di introdurre più di 60 modelli nuovi o aggiornati e mira a raddoppiare le vendite a circa 5 milioni di unità nel suo piano quinquennale per il 2015 per il mercato cinese.
La Ford prevede di introdurre i suoi veicoli elettrici in Cina con tre modelli verdi e mira a spreentarne oltre 15 modelli i per i prossimi quattro anni.
Purtroppo come si vede la Fiat non pare partecipar a questa promettentissima corsa.

Tuttavia la Cina cercherà di  portare avanti aziende nazionali prossimi anni, e  investire di più nei veicoli di energia nuove, più rispettosi  dell’ambiente. e prepara la 14 ° mostra internazionale dell’automobile a di Shanghai
Su Bo, vice ministro dell’industria e della tecnologia dell’informazione, stima che in Cina le vendite di veicoli saliranno da 18 a 23 milioni di unità entro il 2015,
Parlando in un forum in vista del salone dell’auto di Shanghai , Su ha detto che il mercato automobilistico tuttavia, non può ripetere la crescita esplosiva visto in passato durante la quale l’industria nazionale ha ignorato l’innovazione e lo sviluppo dei marchi propri della Cina.
“Le positive prospettive a lungo termine della nostra industria auto non sono cambiate”,- ha detto Su.-tuttavia, mentre siamo in rapida espansione la concorrenza in termini di qualità del prodotto è sempre più intensa. E imperativo per l’industria automobilistica per aumentare la capacità di innovazione, di trasformare il modello di crescita e la tecnologia di aggiornamento”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*