Olio e nons’olio

Print Friendly, PDF & Email

conferenza stampa Olio e nons'Olio

Presentato in conferenza stampa l’avvio dei tirocini formativi del progetto “Olio e nons’Olio” realizzati dall’Enaip di Ragusa in collaborazione con sette aziende del territorio.

Il percorso formativo è finanziato dal Fondo sociale europeo e punta all’inserimento lavorativo di giovani disoccupati tramite l’apprendimento degli antichi mestieri.

“Al termine della formazione in aula – spiega Rosario Cavallo, presidente dell’Acli provinciale iblea – hanno avuto inizio i tirocini formativi in azienda per nove ragazzi che si sono recati presso 7 botteghe artigiane che operano nel campo del ricamo e della produzione di conserve e di olio. Ci auguriamo che questi ragazzi possano veder nascere la passione verso un lavoro che rischia di estinguersi pur rappresentando una forma di eccellenza per questa provincia. Questo è un progetto molto serio perché riesce a centrare il suo obiettivo di formare i giovani, tutti tra i 19 ed i 30 anni, riscoprendo il senso della manualità e delle tradizioni”.

“Ringraziamo tutte le aziende – aggiunge il professore Giovanni Biundo, presidente Enaip Ragusa – perché permettono di offrire ai corsisti un percorso formativo non inflazionato. Ritengo che mantenere in vita settori come lo sfilato o la produzione artigianale dell’olio possa rappresentare anche una buona occasione per creare percorsi di sviluppo turistico”.

“Vorrei sottolineare – aggiunge Aurelio Guccione, direttore degli sportelli multifunzionali Enaip – che questo corso permette ai ragazzi di usufruire di un rapporto stretto e privilegiato con i maestri di azienda. Questo lavoro tende a ricreare il clima proprio della bottega artigiana in cui avviene il trasferimento diretto delle competenze. Il progetto, inoltre, tende a rivalutare un’economia di nicchia basandosi sullo schema proprio della tradizione siciliana, ma con un occhio verso la modernità ed il futuro. È importante specificare che il corso prevede un’indennità per tutti i ragazzi che in tal modo, oltre che creare delle condizioni per il loro sviluppo lavorativo, riescono anche ad avere un incentivo economico immediato”.

Soddisfatte le aziende coinvolte. “La ragazza che è impegnata con noi – spiega Gianfranco Vargetto, titolare di un’azienda di ricamo – prometto molto bene e credo che, se continua così, potrà lavorare con noi a lungo”. “Sono contento di questo progetto – aggiunge Giovanna Sgarioto, anch’essa impegnata nel settore dei ricami – perché ci permette di pensare al futuro anche in un momento di crisi”. “Fin dal primo giorno – conclude Giusy Cutrera, dell’omonimo frantoio – ho notato un grande interesse nel nostro tirocinante”.

Al termine del tirocinio formativo di 160 ore, il percorso formativo in azienda avrà la durata di 900 ore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*