Catania: salvezza sempre più vicina

Print Friendly, PDF & Email

curva nordManca solo la certezza matematica al Catania che, grazie alla vittoria ottenuta ai danni del Cagliari, si appresta a festeggiare, salvo imprevisti, il raggiungimento dell’obiettivo stagionale: la salvezza. Il 2-0 con cui gli etnei si sono imposti sui sardi e’ maturato nella ripresa, peraltro con il team etneo rimasto in dieci. Adesso gli uomini di mister Simeone sono attesi dagli ultimi tre impegni in campionato, le trasferte contro Brescia ed Inter e la gara casalinga con la Roma.

Parte bene il Catania, i vari Lopez, Ricchiuti, Bergessio e Gomez appaiono in palla e creano più di un grattacapo alla retroguardia sarda. E’ soprattutto Lopez che sfiora la marcatura, Agazzi e’ abile a salvarsi in tuffo sul tocco ravvicinato del bomber argentino. Con il trascorrere dei minuti gli ospiti prendono le giuste contromisure e mettono paura ad Andujar con Biondini, uomo a tutto campo nello scacchiere tattico di mister Donadoni, che manda la sfera di poco alta sulla traversa.

Le emozioni si vivono soprattutto nella ripresa. Predominio territoriale dei padroni di casa ma sono i sardi con Acquafresca, in due occasioni, ad andare vicini al vantaggio.  In inferiorità numerica a seguito dell’espulsione di Alvarez per fallo da ultimo uomo su Cossu, il Catania riesce a conquistare i tre punti grazie alle reti siglate, nell’arco di quattro minuti, da Silvestre, che approfitta di una respinta di Agazzi su tiro di Bergessio, e dallo stesso Bergessio, su respinta sempre di Agazzi su conclusione di Lodi, rispettivamente al 78′ e all’82’.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*