6 Maggio sciopero generale Cgil

Print Friendly, PDF & Email

cgil

Per il prossimo 6 maggio, la Cgil ha proclamato lo sciopero generale nazionale di tutti i settori per l’intera giornata.

Lo sciopero nazionale è stato indetto per cambiare la politica economica e sociale del Governo, per un fisco più giusto a favore di lavoratori e pensionati, per la tutela dei diritti, per il contratto nazionale, per la democrazia nei luoghi di lavoro, per dire No al precariato e per creare lavoro per i giovani.

Purtroppo le altre sigle sindacali non partecipano.  Cisl e Uil hanno detto no.

Davanti a Napolitano, che ha ricevuto i sindacati nella ricorrenza del primo maggio, Cisl e Uil hanno detto che “sono uniti”,  ma se non partecipano nei fatti a questa sbandierata unità, dimostrano quella “ipocrisia istituzionale” che ha denunciato il Presidente della Repubblica.

Bonanni, a Marsala,  se n’è uscito con una “cavata” parolaia di non senso: ha detto che “anche se i sindacalisti non sono uniti, i lavoratori invece lo sono”! Che significa? Che chi è a capo di una organizzazione sindacale lo fa così per sport o tanto per parlare o per essere ricevuto dal mondo imprenditoriale, ma i lavoratori  fanno quello che pare a loro? Ma allora che ci stanno a fare se si sentono separati da coloro che rappresentano o vanno a rappresentare?

Sono anni, ormai dieci anni di fila, che questa maggioranza governa, che ha un ministro sempre più attaccato alle braghe dei padroni, ed i lavoratori sono sempre più screditati, bistrattati, ricattati e stanno pagando prezzi altissimi questa crisi economica.

Con busta paga che rasenta il ridicolo, si costringono i lavoratori a turni massacranti, a straordinari obbligatori, a mancate pause di lavoro per riposare le braccia,  e soprattutto si attenuano le misure di sicurezza, perchè secondo il genio dell’economia italiana, la sicurezza è un lusso.

E così, tutti i giorni, qualche lavoratore, uscito di casa la mattina presto per guadagnarsi il pane, non torna a casa, lascia la vita sul posto insicuro dove lavora.

Smettiamola di raccontarci balle, qui si vogliono trasformare i lavoratori in  schiavi, con la corda al collo e pagati, come un tempo, con solo un piatto di minestra. Niente per il futuro, niente per la pensione, niente per la propria famiglia.

Altro che progressi e modernismi, stiamo tornando ai tempi “dei servi della gleba” o giù di lì.

Un tempo chi lavorava veniva definito “risorsa umana”. C’è qualche padrone o qualcuno al governo che considera ancora un paio di braccia e due mani callose una risorsa anziché un peso da pagare?

Dobbiamo unire le nostre forze  e scendere in piazza.  Anche se costa di tasca nostra. Scioperiamo, spero in tanti, contro questo continuo tentativo di ridurci ad una massa indistinta di individui da sfruttare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*