Il cacciatore di aquiloni

Print Friendly, PDF & Email

il cacciatore di aquiloniMi è stato regalato da un’amica che non immaginava, forse, quale splendido dono mi stesse facendo: preceduto da una fama mondiale, da un passaparola incredibile e anche da un film (che non ho visto) è giunto a me “Il cacciatore di aquiloni” di Khaled Hosseini pubblicato dalla Piemme.

Nato a Kabul in Afghanistan e, dopo aver ottenuto l’asilo politico, residente in California dopo si è laureato in medicina e vive con la sua famiglia, Hosseini ha scritto “un libro indimenticabile, emozionante come pochi” come lo definisce la scrittrice cilena Isabel Allende, “un romanzo che addolora e commuove…” con le parole di Repubblica.

E’ un’opera che ti rimane dentro anche dopo che hai letto l’ultima pagina, che continua a riecheggiare nel tuo cuore e nella tua mente: è un libro epico, se mi permettete questo termine, nel senso che narra le vicende di un popolo, quello afghano, e delle tragedie che è costretto a subire con l’arrivo dei talebani, che ci descrive con profondo affetto la sua cultura e i suoi paesaggi; ma è allo stesso tempo un libro d’amore e d’amicizia, di quell’amicizia che supera ogni barriera di tempo e di luogo e che porta alla redenzione finale del protagonista, Amir, grazie a un bambino e a un aquilone.

Straordinari i ritratti dei due amici, Amir, il padrone, pashtun e sunnita, e Hassan, il servo, hazara e sciita, e di tutte le persone che li circondano, dalla moglie di Amir, Soraya, al padre Baba, dal padre di Hassan, Alì, all’amico del cuore Rahin Khan, dal crudele Assef al compassionevole Farid: una galleria di esseri umani che lasciano una traccia indelebile nei nostri cuori, che commuovono perché “Hosseini sa cogliere l’essenza della natura umana”.

Stupenda la descrizione dell’ultima gara di aquiloni a Kabul a cui partecipano i due amici prima che un evento traumatico cambi e separi le loro vite per sempre.

E’ un libro da regalare, da leggere tutto d’un fiato per lasciarsi inondare dalle emozioni che questo medico-scrittore afghano ha saputo creare con questa sua opera-prima.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*