Chiuso l’aeroporto di Catania

Print Friendly, PDF & Email

fontanarossa_cataniaDa ieri sera l’aeroporto Fontanarossa di Catania è chiuso. E se si possono comprendere e accettare le motivazioni: l’Etna ha ripreso a eruttare e quindi la sicurezza dei voli non sarebbe garantita, almeno di notte, quello che non si può né comprendere né accettare è l’assoluta latitanza di informazioni e di alternative, sia per i tanti sfortunati viaggiatori bloccati negli aeroporti di tutta Italia e non solo, che per gli amici e i parenti che sarebbero dovuti andare a riceverli e che invece sono a casa in attesa che qualcosa si muova.

Per tutta la notte i numeri del centralino dello scalo catanese hanno squillato a vuoto, mentre i passeggeri hanno dormito negli aeroporti alla meglio, sulle valige, sulle sedie, per terra.

Una collaboratrice del nostro giornale, in viaggio da Rimini a Catania con la compagnia Windjet, ha passato la notte all’addiaccio all’aeroporto Fellini, con le notizie di una prossima partenza che si rincorrevano di ora in ora.

Sappiamo di informazioni taciute ai viaggiatori per evitare l’esasperazione degli stessi, sappiamo dell’assoluta assenza di piani alternativi (volo dirottato su Palermo), nonostante siano passate già diverse ore dal momento della chiusura di Fontanarossa, sappiamo dell’intervento della Polizia per sedare gli animi, giustamente agitati, dei passeggeri.

Accanto a tutto ciò c’è anche la latitanza di Windjet, che non risponde al telefono, che non informa i propri passeggeri, che non li rifocilla.

Al momento, sono le sei del mattino, nessun’altra novità: su Catania non si vola e centinaia di persone che hanno prenotato la loro vacanza o che stanno per rientrare a casa sono costretti a pazientare negli aeroporti italiani in attesa non si sa di chi o di cosa. Forse del solito miracolo, visto che siamo in Italia.

Anche perché, se quello che è accaduto stanotte fosse accaduto altrove, le stesse persone adesso si starebbero svegliando in un albergo di categoria, a spese della compagnie. Qui invece, ci si risveglia sopra una valigia…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*