Il sesso del nascituro? Basta effettuare un prelievo!

Print Friendly, PDF & Email

EMBRIONESapere – il prima possibile – il sesso del proprio bambino è da sempre stato un desiderio irrealizzabile di tutte le mamme, soprattutto di quelle impazienti, che non vedono l’ora di comprare i primi vestitini o di arredare la cameretta.
Tuttavia, adesso sembra prospettarsi una soluzione e a darcela è Stephanie Devaney dei National Institutes of Health di Bethesda.

La scienziata statunitense, infatti, effettuando all’incirca 50 ricerche di laboratorio, ha scoperto che è pensabile conoscere precocemente il sesso del piccolo, attraverso un semplice esame del sangue.
Il suo lavoro, pubblicato sul Journal of American Medical Association, deriva dall’indagine di 7 mila campioni e può essere un’ottima alternativa all’ecografia e alla temuta amniocentesi.
Secondo lo studio, effettivamente, con un’analisi accurata delle provette, è fattibile individuare all’interno del sangue materno alcuni residui di Dna e delle tracce genetiche del feto: quindi scoprire se nascerà un maschietto o una femminuccia, nonché le possibili malattie ereditarie.

La bella notizia è che tutto questo è realizzabile già dopo sole 7 settimane (in foto).

La probabilità di errore?
A 20 settimane di gestazione la probabilità di errore sarà ancora più bassa, poiché la quantità di Dna fetale in circolo sarà maggiore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*