Assolta con formula piena

Print Friendly, PDF & Email

Riapertura della stagione invernale del magazine dedicato all’approfondimento dell’attualità firmata TG2, Costume e società in onda quotidianamente alle 13.30, che punta le telecamere sulla vicenda umana e giudiziaria di Perugia.

Amanda chiede giustizia e vuole tornare in America, dove da anni è in atto una vera crociata per la sua liberazione. Amanda ha ottenuto giustizia ed è stata assolta con formula piena. L’America che dopo la condanna aveva giudicato l’Italia in modo duro, diverso  e ostile, disdegnando e boicottando turisticamente il nostro paese ora riacquista fiducia e  apprezza lo scrupoloso agire del sistema giudiziario italiano.

Amanda Knox Raffaele Sollecito sono liberi. La mangiatrice di uomini o la vittima, l’ammaliatrice o l’assassina, l’innamorata libertina o la giovane studentessa ora è libera, può tornare  a casa, dalla sua famiglia che l’ha sempre sostenuta, può  tornare in possesso della  vita e ricominciare.

Dopo la sentenza di appello che ha scagionato Amanda  dall’accusa di omicidio i suoi familiari sono  pronti per volare negli Usa. Sono rimasti a Perugia, invece, ifamiliari di MeredithKercher che in Aula hanno assistito attoniti alla lettura della sentenza. Hanno ascoltato e accolto la sentenza con la stessa compostezza che li ha caratterizzati in questi quattro anni. Impietriti. Niente lacrime, niente urla, immobili e hanno aspettato un po’ prima di lasciare il Tribunale. Non si sono fermati davanti alla folla di giornalisti.

Due famiglie a confronto, avvolte dal dolore indescrivibile di quando il destino tocca un figlio, entrambe fiduciose della giustizia italiana, entrambe in ansia e in cerca della verità.  Ma mentre una  aspetta che vengano puniti gli eventuali colpevoli dell’assassinio della loro cara, per l’altra è il momento della gioia, la fine di un brutto incubo.

Per una delle due ragazze inizia una nuova vita tra emittenti televisive, libri, film, notorietà e chissà forse è già pronto un reality…

Ma delle due ragazze, una non c’é più…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*