Peter Gabriel e il “New blood”

Print Friendly, PDF & Email

La ricerca musicale di Peter Gabriel prosegue senza un attimo di tregua. Dopo “Scratch my back”del 2010 album dove sono stati rivisitati brani di Bowie, Elbow, Arcade Fire, Magnetic Fields, Neil Young, Talking Heads, Bon Iver, Lou Reed,Paul Simon, Regina Spector, Randy Newman , Radiohead,con il supporto di strumenti ad arco, esce l’11 ottobre  2011 il nuovo lavoro intitolato “ New blood”. Il progetto con l’orchestra che l’ha accompagnato in tour ha soddisfatto Peter Gabriel, cosi ha deciso di eseguire  brani tratti dai suoi album da solista, collaborando con l’ arrangiatore John Metcalfe. I brani sono stati modificati, eliminando basso e batteria, le nuove versioni  mettono in risalto la voce e il testo, colorati dal suono corposo dell’Orchestra. La scelta dei brani e’ davvero singolare  dato che non figura nessun brano famoso ai non Gabrielliani. L’apertura dell’album e’ affidata a “ Rhythm of heat”, il suono dei tamburi africani ha lasciato spazio al tappeto sonoro creato dall’ Orchestra. Alla stupenda voce della figlia Melanie ha affidato il compito di interpretare “Downside up”, che nel lavoro “ Ovo”  era cantata da Elizabeth Fraser dei Cocteau Twins. Il viaggio continua con “ San Jacinto” tratto dal quarto lavoro solista. Dopo un ‘incursione nel terzo album  con l’esecuzione  della stupenda  “ Intruder”  , Gabriel dal quarto album ha estratto “ Wallflower”. Le scelte sono sempre’ piu’ particolari dato che vengono rivisitati tre brani dell’album “ So”, pubblicato nel 1986. I brani prescelti sono “ In your eyes” , “ Mercy street” e la sublime “ Red rain “ che racconta di un sogno ricorrente che fa Gabriel , quello di nuotare in un mare rosso. Torniamo al 2002 con “ Darkness” estratto dal bellissimo album “ Up”.  Il brano “ Don’t give up” interpretato ai tempi da Kate Bush e’ assegnato alla voce norvegese di Ane Brun. L’ascolto di “ Digging in the dirt” estrapolato dal lavoro “ Us” pubblicato nel  1992 cattura dal primo istante . Giungiamo  alla  fascinosa “The nest  that sailed the sky” pescata  dall’album capolavoro “ Ovo”del 2000. Il brano “ A quiet moment” e’ una traccia strumentale ambient di 5 minuti, curata da Dickie Chappell , fido ingegnere del  suono di  Gabriel. La bonus track e’ “ Solsbury hill” primo brano inciso dopo la dipartita di Peter  Gabriel dai Genesis, avvenuta nel lontanissimo 1975. Per non farci mancare niente il geniale Gabriel il 25 ottobre 2011 fara’ uscire il Dvd “ New Blood Live in London ” che racconta il concerto tenutosi  all ‘Hammersmith Apollo di Londra nel marzo 2011. In seguito dovrebbe uscire un dvd che documenta l’esibizione di Peter Gabriel all’ Arena Verona del 26 settembre 2010. Il sempreterno   Gabriel sembra che abbia ascoltato le nostre parole pubblicate sulle nostre colonne cosi si e’ presentato all’appello dopo un anno invece di parecchi anni, lui che si sente un artista lento ma felice.

Buon ascolto e che stanotte possiate  nuotare  in un mare rosso.

gabriel

3 commenti

  1. almeno stavolta non avete wikipediato.. però vi ripetete.. che senso ha fare doppie recensioni in fotocopia? avete spazi da riempire e non sapete come farlo?
    parlare della crisi e del mondo che va a rotoli no eh?
    ma poi come fate a commentare i cd prima che escano? potenza del mulo!!! come potete parlare di amore per la musica se piratate dal web???

  2. Caro stipe parli senza sapere neanche chi sono. io sono colezionista ed hio piu’ di 2000 cd Originali. Poi informati chi sono e sparlerai meno.

  3. Carissimo Stipe86,
    hai mai letto in vita tua una testata giornalistica cartacea? Non ti è capitato mai di leggere 3 o 4 articoli sullo stesso argomento? Evidentemente no dato che fai polemica non in modo costruttivo ma solo ignorante e distruttivo. Pensi che sia la crisi economica l’unico argomento di cui parlare? Cerca di guardare la realtà a 360 gradi e quando muovi una critica trova l’argomentazione “intelligente”, uno spunto interessante da sviluppare. Non scrivere tanto per scrivere: è solo un consiglio da amica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*