Gli Alawiti: i fedelissimi degli Assad

Print Friendly, PDF & Email

20111011161351956734_20


Il regime siriano degli Assad dopo tanti mesi di manifestazioni oceaniche si mantiene al potere  continuando la sua durissima repressione  I motivi vanno individuati  nella particolare complessità   del caso Siria e in particolate nel decisivo sostegno degli Alawiti.

La setta alawita costituisce circa il dieci per cento della popolazione siriana. i sunniti costituiscono il 65 per cento, mentre curdi sunniti e cristiani costituiscono il dieci per cento ciascuno. Ismailiti drusi, sciiti, e altri gruppi minori formano il resto. Da quando pero  il partito  baath (socialista) di Assad ha preso il potere in Siria, il settarismo è diventato un tabù: ogni riferimento alle  identità religiosa è stata  duramente repressa ma l’appartenenza religiosa è rimasta nascosta ma non superata  a somiglianza di quanto è avvenuto nella Yugoslavia comunista di Tito
Ma in qualunque forma l’identità religiosa ed etnica  esiste in tutte le società, e in tempi di crisi, la  identità collettiva viene spesso a indebolirsi èe  la l’appartenenza etnico- religiosa ritorna fortissima .
Se l’elite ricca trascende queste identificazioni e tiene più  conto della classe sociale, della professione, e altri fattori il riferimento etnico religioso si mantiene nella gente comune e come nei Balcani possono riesplodere improvvisamente e drammaticamente.
Non si sa molto  della fede alawita – anche tra la stessa comunità alawita –perche le sue credenze e le sue pratiche sono disponibili solo per  pochi iniziati ma si sa  che ha alcune dottrine lontane  dell’Islam : credenza nella trasmigrazione dell’anima, la reincarnazione, la divinità di Ali ibn Abi Talib – il quarto califfo e cugino del Profeta Muhammad – e una santa trinità che comprende Ali , Muhamad e uno dei compagni del profeta, Salman al Farsi.
Nel mondo arabo la maggioranza sunnita  esercita da sempre  una egemonia che spesso ha perseguitato le sette di minoranza. come gli Alawiti. Un tema comune quindi della identità   alawita è la paura di egemonia sunnita, basato su una storia di persecuzione che si è conclusa solo con la scomparsa dell’impero ottomano. Infatti con il  mandato francese che ha sostituito l’impero ottomano nel 1918 gli   Alawiti,  come altre minoranza (per esempio i Maroniti del vicino Libano) hanno  superato la marginalità tradizionale  e iniziato anche un marcia verso l’egemonia e il  potere favorita dal fatto che  per forza di cose sono i sostenitori del laicismo che coincide con la loro emancipazione

Gli  Alawiti sono stati  i maggiori sostenitori del partito Baath ( socialista e laico)  e della la sua ideologia pan-araba che era  un modo per trascendere la stretta identità settaria, Inoltre  l’occupazione negli uffici statali  e soprattutto nell’esercito  erano una  opportunità per la promozione sociale e di fuga dalla povertà.
Cosi nel 1955, la maggior parte degli ufficiali che portaronoo il bath al potere erano Alawiti, che controllavano  anche  accademie militari,
Nel 1970 il potere fu preso dall’alawita  ,Hafez al-Assad .il padre del presente  rais che  si circondò  di persone del suo gruppo di cui poteva maggiormente fidarsi: la setta fu sovra-rappresentata nelle istituzioni statali.
Dal 1960, il regime siriano ha incoraggiato i contadini,soprattutto alawita, ad emigrare dalle regioni di montagna alla pianura, dando loro proprietà delle terre che erano appartenute ad una elite a maggioranza sunnita.
Tuttavia poi  la stessa identità  degli Alawiti è stata spostata dall’ambito religioso a quello politico: la comunità non si identifica più nel proprio credo religioso ma solo e semplicemente nel sostegno  della famiglia Assad mentre  lo stesso Bath ha  perduto ogni ideale  iniziale.
Gli  Alawiti erano storicamente respinti  dell’Islam. Per essere accettato come leader, Assad ha dovuto convincere i sunniti che gli  Alawiti erano in sostanza  dei buoni mussulmani , Attualmente gli  Alawiti non ricevono nessuna istruzione sulla loro stessa religione. i libri di scuola siriana non  contengono alcuna menzione della parola “alawita”. L’educazione islamica nelle scuole siriane è tradizionale, rigida, e sunnita, non si fa  nessun tentativo di inculcare nozioni di tolleranza e rispetto delle tradizioni religiose diverse dall’ islam sunnita tranne che per il cristianesimo che è un’eccezione.
Il regime ha negato qualsiasi spazio pubblico agli  Alawiti per  praticare la loro religione. non riconoscono alcun consiglio alawita che possa  elaborare  elementi dottrinali  e molti siriani la percepiscono come una fede misteriosa.
Gli Alawiti hanno fatto forse un buon affare economico-politico, hanno perso la propria identità  e accettato il mito che erano “buoni musulmani” per vincere l’opposizione sunnita La perdita del ruolo tradizionale dei  capi Alawiti, impedisce  loro di stabilire posizioni e di impegnarsi come una comunità nei confronti delle altre  comunità siriane – rafforzando i timori settari e i sospetti.
Fra le  confessioni siriane gli Alawiti sono i più laici  possono vantare il maggior numero di matrimoni interconfessionali, e sono i più integrati con altre sette, nei rapporti sia personali che aziendali.
Gli Alawiti percepiscono se stessi come i più liberali e laici dei  musulmani i Essi indicano il loro consumo di alcol, l’interazione libera tra i loro uomini e donne e il modo più occidentale del vestire e del comportarsi delle  donne.

E ‘ difficile dire che cosa rende qualcuno un alawita, tranne che che  essere figlio di  un alawita.
La maggioranza sunnita, nel frattempo, ricorda la brutalità con cui è stato schiacciato la insurrezione armata dei Fratelli Mussulmani che furono eliminati fisicamente in Siria e in gran parte sono  assenti dalla rivolta in corso, anche se la maggior parte dei manifestanti di oggi sono sunniti conservatori.

Gli Alawiti aanno adottato lo slogan “Assad per sempre”, incapaci di separarsi dal regime o immaginare una Siria senza Assad. Percepiscono come un tradimento vergognoso non sostenerlo fino all’ultimo.

L’opposizione non è riuscita ad articolare una visione per quello che succederà alle decine di migliaia di Alawiti delle forze di sicurezza e dello Stato. ma minacciano  di punire  in futuro coloro che attivamente sostengono il regime
La fine del regime influirà direttamente quasi su ogni famiglia alawita.
E ‘facile dire se s è  in una zona alawita in Siria in questi giorni. Sarà il luogo dove è addobbato ogni spazio disponibile con le foto del presidente Bashar, il fratello Maher e il loro padre Hafez. Si tratta di un culto della personalità, con muri portanti i graffiti: “Assad per sempre”e foto del presidente.
Gli Alawiti però negano di controllare lo stato,  affermano anzi di essere sotto rappresentati nelle  cariche pubbliche, che non hanno alcun fine settario che  ma che si battono solo per la Siria, per  tutta la Siria.

Accusano i rivoltosi di essere degli ignoranti, di essere eterodiretti da un complotto internazionale guidato da sionisti e americani ( eterno ritornello di tutti le dispute  fra Arabi) Affermano poi che gli Stati Uniti  sono in combutta con gli islamisti il che suona molto strano ma viene giustificato dal fatto che gli Americani vorrebbero contrastare  nel Medio Oriente l’influenza cinese.

Starebbero usando gruppi musulmani contro la Cina; dicono  che il Corano parla della minaccia da una invasione gialla. ( che però, in verita  non ci risulta )
Con la presa  di Tripoli dei  ribelli libici assistiti dalla NATO sono  preoccupati per la possibilità di un intervento Nato o della Turchia, loro potente vicino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*