Ritardo

Print Friendly, PDF & Email

Silvio-Berlusconi-ritardo

Ha ragione Berlusconi quando dice che “nessuno nell’Unione può autonominarsi commissario e parlare a nome di governi eletti e di popoli europei. Nessuno è in grado di dare lezioni ai partner”. Anche perché, chi pretende di farlo, non è esente da errori, non ultimo quello di non aver voluto prodigarsi per il salvataggio della Grecia quando il “buco” era ancora piccolo e sarebbe bastato qualche spicciolo per tapparlo, mentre adesso per farlo occorre dare fondo a tutte le risorse disponibili.

Ma anche il nostro Presidente del Consiglio non avrebbe titolo per lamentarsi del “trattamento” che gli ha riservato l’altro giorno la coppia Merkel Sarkozy. Nel suo caso parlare di errori sarebbe un complimento, visto che con le sue leggi ad personam (a cominciare dalla depenalizzazione del falso in bilancio) e il suo immobilismo si è andati ben oltre.

Dalle mie parti c’è un detto, “U voi dici curnutu o sceccu”, il bue dà del cornuto all’asino. Oppure, chi è senza peccato scagli la prima pietra.

Così, se il duo francotedesco facesse un passo indietro non credo ci sarebbe qualcuno che se ne lamenterebbe. Quanto a Berlusconi, invece, è già in ritardo…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*