Niente rugby al polisportivo di Ragusa

Print Friendly, PDF & Email

selvaggioAbbiamo scherzato, il campo non ve lo diamo più!

Non sono state queste le esatte parole, ma il senso del fax arrivato questa mattina nella sede del Padua Rugby Ragusa questo diceva.

Il derby Padua–Audax, in programma per la quarta giornata del campionato di serie C di rugby, originariamente previsto per il 13 novembre e poi anticipato di una settimana su espressa richiesta (verbale) dell’Assessore allo Sport, Ciccio Barone, per poter dare a un avvenimento sportivo di primordine, capace di raccogliere almeno un migliaio di spettatori, la degna cornice del Polisportivo Comunale “Aldo Campo” di contrada Selvaggio, alla fine si giocherà il 13 novembre al campo Petrulli.

E questo nonostante le dimensioni del Petrulli non siano regolamentari (per giocarvi bisogna chiedere una speciale deroga alla Federazione Italiana Rugby), nonostante la pista di atletica sia pericolosamente vicina al rettangolo di gioco, nonostante che al Polisportivo Comunale “Aldo Campo” il 6 novembre non vi si svolgerà nessuna manifestazione sportiva, nonostante il fatto che questa struttura, proprio perché polisportivo, dovrebbe ospitare tutti gli sport, rugby compreso.

Ma evidentemente l’Amministrazione Comunale, sindaco Dipasquale in testa, non la pensa così; evidentemente chi ci amministra crede che esistano sport di serie A e sport di serie B. Evidentemente, per loro, il rugby appartiene alla seconda categoria.

A ben vedere, però, è giusto che il rugby sia tenuto fuori da quella struttura. Avete visto la tabella che c’è al suo ingresso? Vi sono raffigurati due palloni, uno da calcio, l’altro da football americano. Si tratta solo dell’errore di un grafico “distratto”?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*