Casa chiusa

Print Friendly, PDF & Email

carcere-di-modicaRiceviamo e pubblichiamo un comunicato stampa della Cisl FNS di Ragusa a proposito degli istituti penitenziari di Ragusa.

La Cisl FNS di Ragusa, a seguito di quanto diramato dalla segreteria generale della O.S.  OSAPP  in data 4 Novembre scorso, in ordine alla proposta di un eventuale accorpamento degli istituti penitenziari di Modica e di Ragusa con la conseguente chiusura della Casa Circondariale di Modica, ritiene che tale proposta non è risolutiva delle numerose problematiche già esistenti nei due istituti, ma risulterà certamente deleteria per le aspettative del Personale di Polizia Penitenziaria interessato.

Infatti a parere della CISL FNS tale proposta avanzata dalla O.S. OSAPP non solo non  corrisponde alle aspettative del Personale assegnato alla Casa Circondariale di Modica che, nell’ipotesi delineata, sarebbe costretto a prestare servizio fuori dal Comune di residenza con le prevedibili onerose conseguenze di ordine economico e familiare, ma  vanificherà anche le aspettative dei tanti Poliziotti che da più di 20 anni attendono invano  di essere trasferiti presso la Casa Circondariale di Ragusa la quale, allo stato, è carente di circa 40 unità.

Inoltre, la Cisl FNS rileva che la struttura di Ragusa è stata, anche nel recentissimo periodo, oggetto di argomentazioni nonché di interrogazioni parlamentari, proprio per le sue deficitarie condizioni strutturali e per il sovraffollamento della popolazione detenuta. Pertanto l’ipotesi di ospitare altri detenuti, provenienti dalla Casa Circondariale di Modica, appare oggi del tutto impraticabile anche perché i reparti detentivi (3° e  4° REPARTO) a cui è stato fatto riferimento dalla O.S. OSAPP, sono stati dismessi da oltre 15 anni in quanto ritenuti inagibili e non idonei alla detenzione, a meno di onerosi interventi strutturali,  improponibili nella attuale contingenza economica.

In alternativa, si anticipa sin d’ora che la CISL FNS proporrà, nelle sedi opportune, la realizzazione di una nuova struttura penitenziaria nella Provincia di Ragusa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*