Ho tutta una mia idea personale sulle interviste che si fanno agli artisti, peraltro quasi sempre preconfezionate: penso che le domande debbano essere secondarie alle risposte ma, nello stesso tempo, debbano trovare il modo di “far dire” qualcosa di nuovo al soggetto intervistato. In questo caso Luis Bacalov conferma laRead More →