La crisi investe i Vigili del Fuoco

Print Friendly, PDF & Email

vigiliragusa

La congiuntura economica, la necessità di tagli alla pubblica amministrazione, investe anche il Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco.

Il personale del Copro Nazionale dei Vigili del Fuoco è presente presso le sedi di servizio H 24, per svolgere i compiti istituzionali a cui è proposto, al servizio della cittadinanza, in qualunque situazione anche atmosferica.

I tagli non hanno tenuto in considerazione la necessità di garantire nelle sedi di servizio il riscaldamento, e la produzione di acqua sanitaria, dal 27 dicembre, le sedi di servizio VV.F. di questa provincia sono al freddo, e conseguentemente il personale operativo che presta servizio per 12 ore, non ha al rientro dagli interventi di soccorso la possibilità di lavarsi, se non con acqua fredda.

L’installazione di una caldaia a metano pressa la sede centrale di Ragusa, progetto redatto già qualche anno fa, che doveva essere messo in cantiere dalla provincia Regionale, essendo l’immobile di proprietà della provincia, non ha ancora visto la luce.

Il rischio ancor più grave che nella congiuntura economica in atto abbia a mancare anche il carburante per gli automezzi.

E’ bene che i cittadini siano informati sullo stato dei disagi che stiamo vivendo come Vigili del Fuoco di Ragusa.

In assenza di risposte in tempi brevi, oggi abbiamo incontrato i rappresentanti della provincia regionale di Ragusa, nei prossimi giorni chiederemo un incontro a S.E. il Prefetto, saremo costretti a dichiarare lo stato di agitazione, riservandoci eventuali altre forme civili di lotta, anche al fine di rendere noti i disagi alla collettività locale, ed ai vertici della nostra Amministrazione.

Le segreterie provinciali di CGIL FNS-CISL CONFSAL CONAPO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*