Teatro delle Nevi: in scena con Oscar, un fidanzato per due figlie

Print Friendly, PDF & Email

teatro neviNuovo appuntamento con il succulento cartellone proposto dal Teatro delle Nevi. Sul palcoscenico del teatro Grotta Smeralda ad Aci Castello, il sodalizio artistico proporrà venerdì e sabato alle ore 20.45 e domenica allre ore 18.45 la commedia “Oscar (un fidanzato per due figlie)”, un successo internazionale scritto per il teatro da Claude Magnier che ha ispirato ben due versioni cinematografiche: una francese, con un irresistibile Luis De Funès, e un’altra più recente  diretta da John Landis, il papà dei “Blues Brothers”, con un inedito Sylvester Stallone. Proprio quest’ultima versione è stata adattata e diretta da Rodolfo Torrisi con l’aiuto regia di  Ernesto Mangano e Maurizio Panasiti.

Angelo Provolone (Maurizio Panasiti), un gangster che giura di diventare onesto al capezzale del padre morente, dovrà fare i conti, nell’arco della stessa giornata, con diversi personaggi che daranno vita a gags ed equivoci a ripetizione: con il suo ex contabile (Alessio Boschi) che gli comunica di averlo frodato e che gli restituirà il malloppo non appena sposata la figlia di cui è innamorato (ma la figlia in realtà ama l’autista, Oscar…), i suoi maldestri gangster (Davide Bonanno e Antonio Cianciotta), la domestica impertinente (Daisy Cosentino) che sposa un milionario, una ragazza che si spaccia per sua figlia (Chiara Valentino), gli spassosissimi fratelli Finucci (Giampaolo Indelicato e Roberto Moschetto), un pedante insegnante di dizione (Guido Franco), una sua vecchia fiamma (Liliana Biglio) che gli confessa di aver avuto una figlia da lui. In scena anche Angela Barbagallo ed  Elisa Toscano, nei panni rispettivamente della figlia e moglie di Angelo Provolone; Adriana Scalia, Daniela Torrisi e Jose Marano amiche della figlia di Provolone; Rodolfo Torrisi che interpreta Padre Carnazza; Ernesto Mangano ed Erika Insabella rispettivamente padre e sorella del gangster e Giuseppe Sanfilippo uno dei gangstar di Provolone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*