Nuovo appuntamento con il teatro delle Nuove Maschere

Print Friendly, PDF & Email

Torna venerdì sera alle 21 al Piscator il teatro delle Nuove Maschere con il terzo appuntamento del cartellone invernale. Anche in quest’occasione Eduardo Saitta presenterà al pubblico una produzione propria con il contenitore comico “Io e gli altri” che prenderà spunto dall’attualità dei nostri giorni, dalla mobilitazione degli autotrasportatori e dalle lunghe ore di attesa ai rifornimenti. Compagni sul palcoscenico dell’attore catanese la cugina Katy Saitta, Loredana Scalia e Rosario Valenti (al pianoforte Giovanni Apa). “Vista la situazione di questi giorni – ammette Eduardo Saitta – trovandomi costretto dagli eventi a rimanere barricato in casa per la mancanza di carburante è ovvio che il mio tempo in qualche modo doveva pur passare ed essere speso. In realtà la comicità scaturisce sempre da qualcosa di tragico e allora prendendo spunto da questo momento poco felice che stiamo vivendo in Italia ecco che la mia ispirazione raggiunge alti livelli sperando che tradotto in opera siano altrettanto alti”.

Il contenitore ha subito un’autentica evoluzione in questi giorni sulla scorta anche di situazioni personali che hanno interessato lo stesso Saitta. “Io e gli altri porta il nomignolo non di commedia, non di cabaret ma di contenitore. Una volta ogni tanto, ed il nostro affezionato pubblico lo sa, ci vien la voglia di confrontarci con i problemi e le follie di ogni giorno e “discuterne” sottoforma di spettacolo appunto con il nostro pubblico. Abbiamo preparato una merendina comica da offrire ai nostri abbonati e non, e in questo contenitore abbiamo messo tutto, pure il dolce”.

Saitta continua: “Canzoni, scene, monologhi, costumi, gag, freddure e ovviamente ci siamo uniti i quattro più scalmanati, ovvero io, Katy, Rosario e Loredana, quelli che non temono la corsa contro il tempo, quelli che se occorre improvvisano, quelli che quando gli spettacoli si bloccano perché i tir non arrivano a destinazione loro partono a piedi portando a spalla il pianoforte di Giovanni, quelli che arrivano in teatro comunque facendo sempre il loro dovere, ma nel nostro caso è anche un piacere. Due ore di spettacolo alla nostra maniera oserei dire, quel solito specchio che poniamo dinanzi al pubblico e sottoforma di gioco per ridere un po’ di tutto perché tutto passi indolore”. Le Nuove Maschere sosterranno nella tre giorni, in programma al Piscator di via Sassari, le iniziative dell’A.B.A. Ionico Etnea, associazione che si occupa con grande professionalità dei bambini autistici. “In questo 2012 – conclude Saitta – abbiamo deciso di sposare iniziative di carattere sociale. Siamo convinti che il teatro possa ricoprire in tal senso un ruolo importante”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*