Il te e il panda

Print Friendly, PDF & Email

panda

La Cina è un paese particolarmente devastata dal punto di vista ambientale: la necessità di incrementare la produzione per soddisfare una popolazione sconfinata che vive tuttora, in maggioranza , in grande miseria mette tra parentesi le preoccupazioni ecologiche.

Tuttavia anche in Cina, di fronte ai disastri ambientali, è nata una coscienza ecologica, favorita dal tradizionale amore dei cinesi per la natura. Un esempio ce lo offre un agricoltore cinese di te, la bevanda nazionale .

L’agricoltore An Yanshi , ha annunciato che avrebbe venduto il tè più costoso del mondo, per essere stato fertilizzato con sterco di panda.

An Yanshi ha detto che il suo tè verde biologico è al prezzo di 20.000 yuan (circa 3.178 dollari Usa) per 50 grammi, il prezzo i più alto della Cina. An coltiva il tè nella città di Ya’an nel sud-ovest nella provincia c del Sichuan, conosciuta anche come habitat naturale del panda gigante.

An ha usato letame di panda come fertilizzante per le piante di tè. Ha detto che avuto l’idea dopo aver partecipato a un seminario in cui ha appreso che i panda giganti assorbono solo il 30 per cento delle sostanze nutritive contenute nel loro cibo, e crede che il restante 70 per cento deve essere nello sterco dei panda “.

“I panda giganti mangiano bambù organici, senza pesticidi e fertilizzanti chimici. Di conseguenza, i loro escrementi si differenzia da quella degli altri animali”, ha detto.

Lo scorso anno, An ha raccolto sterco di panda dal parco ad essi riservato e affittato tre piantagioni di tè con cui iniziare la sua sperimentazione. Dopo aver coltivato le piante, An ha presentato il suo tè in una una casa pubblica da tè nella città di Chengdu.

Il tè non era visibilmente diverso dal normale tè verde. Tuttavia, come An ha spiegato, “E ‘molto diverso. Foglie di tè fertilizzate chimicamente sembrano più gialle, mentre le nostre sono di colore verde scuro. E il nostro tè ha un gusto ricco, anche dopo essere stato immerso per tre volte.”

An si descrive come un “calligrafo ambientalista panda”, riferendosi al suo amore per la pittura e calligrafia cinese , così come la sua passione per la tutela dell’ambiente.

“La mia piantagione di tè panda ci può insegnare a tutti una lezione, che possiamo trasformare i rifiuti in qualcosa di utile. Dobbiamo sviluppare una cultura del riciclo e l’utilizzo di fertilizzanti organici”, ha detto.

An rivendica che il suo tè panda è in grado di trattare e prevenire il cancro, anche se l’affermazione non ha nessun riscontro scientifico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*