Incontro con l’Associazione Nazionale Antistalking V comandamento

Print Friendly, PDF & Email

melina sbriglione

La non violenza è il primo articolo della mia fede. E’ anche l’ultimo articolo del mio credo” (M. K. Gandhi).

E’ questo l’aforisma che la responsabile dell’Associazione Nazionale Antistalking – V Comandamento di Catania, Melina Sbriglione, ha scelto per la presentazione dell’incontro aperto alla cittadinanza di sabato alle ore 16,00 al Cortile Platamone di Catania patrocinato dalla U.E., dal Comune, dal Comitato Pari Opportunità e dalla sede principale di Napoli nelle vesti del suo presidente Dottor Francesco Lanza.

Interverranno all’incontro, oltre al Presidente Francesco Lanza, il sindaco di Catania Avv. Raffaele Stancanelli, l’assessore alla famiglia e politiche sociali del Comune di Catania Prof. Carlo Pennisi, il Presidente Comitato Pari opportunità del Comune di Catania Avv. Carmencita Santagati, il dott. Dario Bordin, lo psicologodocente Psicologia Criminologia all’Università Kore di Enna Prof. G. Capraro, le Dottoresse Grazia Caruso, Nancy Dispinzeri, Carmen Bosco, Grazia Capuano, l’Avv. Loredana Piazza.

Inoltre ascolteremo le testimonianze di donne vittime di stalking.

Il termine “stalking” deriva dall’inglese “to stalk” e significa appostarsi, avvicinarsi alla preda di nascosto. Il comportamento tipico del molestatore o “stalker” è, infatti, quello di seguire la propria vittima durante tutti i suoi spostamenti.

L’Associazione nasce a Napoli con l’obiettivo di dislocarsi su tutto il territorio nazionale, con proprie sezioni distaccate e propri rappresentanti.

L’associazione Nazionale Antistalking Quinto Comandamento si prefigge i seguenti obiettivi:

  • attivare una rete di protezione totale, sia giuridica che fisica, a stretto contatto con le forze di Polizia;

  • sostenere le vittime dello stalking senza distinzioni di sesso, età, religione, etnia;

  • promuovere attività di formazione ed informazione per figure di supporto alle vittime, realizzando convegni, dibattiti, seminari, studi, ricerche.

Vergogna è tacere la violenza.

Aiutaci ad aiutare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*