Lampedusa ed i viaggi della speranza

Print Friendly, PDF & Email

Solo pochi giorni fa e precisamente il 20 Giugno, si è ricordata la giornata mondiale del rifugiato; in quelle ore, sull’isola di Lampedusa sono sbarcati 51 migranti di provenienza somala.

Tutti esseri umani alla ricerca di una vita migliore, di una speranza nuova.

sbarchi-di-immigrati-clandestini-a-lampedusa

A differenza del concetto di profugo, espressione priva di contenuto giuridico usata per definire chi si è allontanato dal Paese di origine per le persecuzioni o per una guerra, ciò che caratterizza il rifugiato è l’aver ricevuto dalla legge dello Stato che lo ospita o dalle convenzioni internazionali questo status e la relativa protezione attraverso l’asilo politico.

Il fenomeno ha assunto dimensioni rilevanti dopo la Seconda guerra Mondiale, quando l’ONU ha formato un organo chiamato a tutelare i rifugiati, l’Alto Commissariato per i rifugiati fondato precisamente nel 1950.

Dopo una lunga pausa di circa due mesi, il flusso migratorio sembrerebbe riprendere. Si è subito pensato che i migranti giunti sull’isola di Lampedusa provenissero dall’Eritrea ma in realtà erano tutti somali e tra loro si sono contate anche delle presenze femminili.

I migranti somali sono giunti sulla spiaggia della Guitgia, un tratto dell’isola di Lampedusa dove a fine stagione estiva il cantautore Claudio Baglioni organizzerà l’evento O’Scià proprio in memoria dei migranti.

La Spiaggia Guitgia di Lampedusa si trova nella baia del porto del paese di Lampedusa, unico centro abitato dell’isola, ed è facilmente raggiungibile con i mezzi pubblici. Si tratta di una spiaggia incredibilmente bella, di soffice sabbia candida, bagnata da un mare turchese e cristallino.

Si pensa che il gommone che abbia condotto i migranti fino all’isola di Lampedusa, fosse partito dalle coste libiche, qualche giorno prima allo sbarco.

Uno tra gli innumerevoli viaggi della speranza.

L’intervento da parte della Capitaneria di porto e dei Carabinieri del luogo non ha certo tardato; poiché il centro di accoglienza di Lampedusa non è ancora aperto, è stato fatto tornare indietro il traghetto che ormai si trovava vicino alla costa di Linosa per far imbarcare i profughi e trasferirli sulla terraferma.

migranti-lampedusa-1_280xFree

A  Linosa, in occasione della giornata mondiale del Rifugiato, sono stati proiettati  documentari  dal video-reporter  Salvatore Tuccio, tra questi possiamo menzionare 25ème Gouvernorat e Disperati nell’Italia dimenticata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*