Due pesi

Print Friendly, PDF & Email

Dal primo gennaio 2013 anche la Chiesa avrebbe dovuto pagare l’Imu sulle porzioni utilizzate per fini “commerciali” dei propri immobili. Il problema è che il Ministero dell’Economia non ha ancora emanato il decreto nel quale si sarebbero individuate queste porzioni, e dunque, probabilmente, niente Imu per la Chiesa e niente 600 milioni di euro per le casse dello Stato, almeno, speriamo “solo”, per l’anno prossimo.

Peccato che, invece, a noi comuni mortali, l’Imu ci è stata imposta anche se ancora non se ne conosceva l’esatta entità e le modalità di pagamento.

Siamo alle solite, questo è il aese dei due pesi…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*