La ripresa autunnale di Passaggio a Nord Ovest

Print Friendly, PDF & Email

Riparte l’edizione pomeridiana  di Passaggio a nord Ovest condotta da Alberto Angela che ci porta in uno squero, la fabbrica delle gondole. Scopriamo come si costruiscono, come si governano e quanto valgano. Insomma curiosità e segreti di quell’imbarcazione che da tempo scivola maestosa nella laguna veneziana. Gondola e Venezia, non si può parlare di una senza parlare dell’altra, al punto che la gondola oggi viene considerata come un simbolo della città.

Viene costruita interamente a mano da maestri d’ascia. Richiede ben otto tipi diversi di legno che insieme, fanno squadra, tutti inchiodati e senza colla, mesi di lavoro e esperienza, fondamentale nella costruzione. Lo squerarolo lavora a mano come un tempo, senza il supporto di progetti scritti e personalizzando ogni barca su misura del gondoliere che la governerà. La lunghezza  è di circa 11 metri, la larghezza media 1.40 e pesa intorno ai 350 kg. Tre costoli con forma predefinita per modellare la prua e la poppa, piegati e sagomati col fuoco per raggiungere la curvatura giusta.  Acqua e fuoco,  due elementi, e il legno si curva. Mani abili che piegano il legno, lo verificano e piano piano  la gondola viene alla luce,  con la sua accentuata forma a mezza luna. Il tutto deve essere perfetto e ottenuto  solo grazie all’esperienza e alla bravura dei maestri d’ascia. La chiglia a fondo piatto per pescare meno e non incagliarsi nelle secche, l’ abete per lo scafo, l’ olmo per i sanconi, la quercia – che più sta in acqua più diventa dura – per legarli, il mogano per le coperture, la forcola in noce. In questo luogo dove il tempo si è fermato, sono le stagioni e la luce del giorno a dettare il ritmo del lavoro. L’ imbarcazione, ben fatta e ben tenuta, può stare in acqua 25 anni.  La gondola ha una caratteristica forma asimmetrica (verso destra), creata appositamente per permettere al gondoliere di vogare con minore sforzo. È patrimonio di una cultura universale che vede nel manufatto, nella “bella cosa fatta a mano”, l’immagine di una civiltà che ha saputo coniugare in un intrigante “life style” il bello, la tradizione e il lusso.
Dalla magica atmosfera del lento scivolare delle gondole veneziane a una spaventosa tragedia: Lisbona è una città moderna a tutti gli effetti e non sembra conservare traccia del dramma che l’ha colpita il 1° novembre del 1755. Quel giorno, un terribile sisma,  del 9° grado della scala Richter sconvolge la capitale portoghese, seguito da un enorme tzunami, che la rase al suolo per un terzo provocando  circa 90mila vittime. La mattina del 1° novembre, ore 9.40, la città era animata, al mercato i primi a reagire nervosamente furono gli animali, ma nessuno si allarmò.  Poi, dalle viscere della terra un boato, le campane iniziarono a suonare contemporamente, subito dopo le porte dell’inferno si aprono sotto i piedi della gente, la terra trema  per 6 interminabili  minuti, le scosse furono avvertite in diversi Continenti. Il caos è generale, le strade si trasformano in immense distese di macerie, più di un quarto delle case vengono divorate, la folla è ormai presa dal panico, i feriti urlano sotto le rovine. Le scosse fanno perfino franare alcune delle più alte montagne del Portogallo. Ore 10.00 all’enorme forza distruttrice fa seguito il mare, che impazzisce: le conseguenze disastrose si manifestano sotto le acque provocando una sorta di maremoto. Un’onda anomala alta tra i 12 e i 18 metri, un muro d’acqua si solleva, sommergendo il porto, la città bassa e i numerosi rifugiati che cercavano salvezza dal terremoto. Il pericolo mortale si abbatte distruggendo tutto e seminando morte. Per quale motivo la collera di Dio si rovesciò su una delle città più religiose d’Europa? La sciagura era avvenuta proprio il giorno di Ognissanti e proprio nel momento in cui molte persone stavano assistendo alla santa messa. Strana coincidenza, per un Paese così cattolico come il Portogallo. La Chiesa ufficiale e la maggioranza del clero parlarono di punizione divina.  Risultò cosa strana che proprio i luoghi di culto avessero avuto la peggio. E il  terremoto fu visto come un avvertimento del Signore all’intera Europa affinché abbandonasse l’Inquisizione introdotta dalla Spagna e l’estremismo religioso per tornare a una maggiore tolleranza. E il giorno dopo si cominciò la ricostruzione guardando al futuro con più comprensione.
Infine Passaggio a Nord Ovest ci fa conoscere  la storia di Pu yi, l’ultimo imperatore della Cina, incoronato nel 1908 all’età’ di due anni. La sua vita, affascinante e ricca di traversie, fu resa celebre dal film di Bernardo Bertolucci “L’ultimo imperatore”.
Appuntamento alla prossima settimana per un altro, avvincente viaggio, nel mondo della conoscenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*