Effetto Monti

Print Friendly, PDF & Email

Tg La7. Notizia del giorno. Protagonista: Mario Monti e la nota di polemica scatenata dalla frase pronunciata sullo Statuto dei lavoratori, esito della lotta della classe operaia e contestato in alcune parti che secondo Monti, nato con “l’intento nobile” di difendere le classi lavoratrici ha finito per avere l’effetto opposto e ridurre l’occupazione.

Apriti cielo! Queste parole hanno messo ulteriore dinamite nei difficili rapporti tra il governo e l’attuale situazione del mondo del lavoro. Una frase quella del premier, che, pronunciata due giorni dopo il difficile tavolo con le parti sulla produttività, scatena le ire della Cgil. Susanna Camusso, numero uno del sindacato di Corso d’Italia, parla di “peggior liberalismo e nessuna idea per la crescita”.

Se questo non bastasse in questa giornata segnata dai temi sociali si è aggiunta la foto impietosa dei commercianti e degli imprenditori sullo stato del nostro paese.

Non è la prima volta che Monti suscira aspre reazioni ma, qui, non si parla di bon ton ma di un punto cardine di una conquista storica e  “siccome non c’è nulla si reinventa una logica contro i lavoratori” sentenzia la Camusso. I tempi stringono nel rigore e il Monti senza paura affronta i tabù più a rischio con un fendente duro, colpendo lo statuto dei lavori giudicato “insufficiente” per creare occupazione. Appoggio del Pdl e di Fli e della Fornero : “Noi abbiamo modificato l’art. 18, siamo per fare occupazione, non l’abbiamo fatto a caso”!

Certe disposizioni intese a tutelare le parti deboli nei rapporti economici – continua Monti – hanno finito, impattando sul gioco del mercato, per danneggiare le stesse parti deboli che intendevano favorire”.

Siamo stritolati in una morsa che non concede tregua, l’Italia rischia ancora, la materia sociale è quella più incandescente e lede la parte debole del paese in questa crisi così dura che da tempo ci regala, meno consumi (nessuno spende più niente perchè teme di non averne per il domani), meno occupazione, inflazione alle stelle e meno potere d’acquisto .

In conclusione un  De profundis storico. Siamo nei guai e la luce in fondo al tunnel la vede solo chi è miope alle difficoltà reali e non attua le riforme strutturali tanto enunciate. Beppe Severgnini, ospite a Otto e mezzo che, ovviamente discute lo stesso argomento, afferma:”Sono discussioni vecchie, contiuniamo a discutere sull’art.18 e sullo statuto, cosa ne uscirà? Sono drastico, ma ci sono priorità più urgenti”!

In effetti Monti ha imposto un rigore a tanti ma dovremmo parlare anche dell’inefficienza dei managment  prima di scaricare le colpe sui lavoratori. Cambiare modo di fare politica per favorire il necessario mutamento è sicuramente più utile a questa Italia che brucia in mano all’attuale politica che corrompe l’economia a scapito della meritocrazia.

Sarebbe più utile tagliare tutto il sottobosco dei privilegi della spesa pubblica per affrontare il futuro, perchè il mondo va di fretta e non c’è più tempo per le lentezze italiane che ci tagliano fuori dai giochi globali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*