Print Friendly, PDF & Email

E fu sera e fu mattino… ed ecco la terza edizione.

Il 22 Settembre è partita la terza esperienza di Notti Sacre: arte, musica, pensiero, preghiera, spettacolo nelle Chiese del Borgo Antico di Bari.

L’evento, che si protrarrà fino al 30 settembre 2012, è organizzato dall’Arcidiocesi di Bari-Bitonto con il patrocinio di Sovvenire, il Servizio per la promozione del sostegno economico alla Chiesa Cattolica, Fondazione Banca Carime, Camera di Commercio di Bari.

Il cartellone prevede un programma ricchissimo di iniziative che avranno come sfondo alcune chiese di Bari, trasformate per l’occasione anche in luoghi di cultura (Auditorium Diocesano Vallisa, San Gaetano, Santa Teresa, S. Anna, Chiesa del Gesù, Chiesa San Michele, Chiesa del Carmine, Piazzetta San Marco, Cattedrale, Chiesa dei Santi Medici e Basilica di San Nicola).

La manifestazione è stata inaugurata il 18 Settembre 2012 con la Mostra “La Via….”  ispirata alla figura di Papa Giovanni Paolo II e ospitata nella Sala Murat a cura di Fedele Boffoli dal 18 al 23 Settembre (ore 10-13; 17-22).

Molte le novità di questa terza edizione, a partire dall’inserimento della casa Editrice Stilo, che nella cornice di San Gaetano alternerà un ciclo di incontri sul tema della Fede, Poesia e Filosofia. Altra grande novità è la riapertura del Museo diocesano che accoglierà la mostra ”Il mondo dei Santini” dal 22 al 30 Settembre, a cura di Gianni Bondesan, oltre che la Presentazione del Libro di Anna Delle Foglie “La Cappella Caracciolo del sole a san Giovanni a Carbonara”. Ed ancora la partecipazione della Basilica Pontificia di San Nicola che farà da cornice al Concerto dell’Orchestra Sinfonica della Provincia accompagnata dal Coro Polifonico “B. Grimaldi”.

Il primo fine settimana di Notti sacre 2012 è stato affidato a due concerti serali: uno nella Chiesa del Gesù (Coro Alecrim Comunione e Liberazione) l’altro in Cattedrale con l’orchestra da Camera “N. Piccinni” e i cori Palazzo Incantato e Dilecta Musica.

L’emozione del concerto in Cattedrale è inesprimibile a parole, la voce del soprano Vittoria Didonna e la direzione d’orchestra affidata a Grazia Bonasia, hanno impreziosito la serata di magnifica luce che, sulle note di Piccinni e dei contemporanei Franz Biebl e Morten Lauridsen, hanno davvero elevato gli animi di tutti i presenti, se non al Paradiso,  quanto meno ad uno stato di profonda meraviglia e serenità.

Naturalmente in Notti Sacre non possono mancare i momenti di preghiera. Culmine della giornata inaugurale è stato l’evento liturgico nella chiesa S. Anna, della Celebrazione Eucaristica presieduta dall’Arcivescovo Mons. Cacucci, accompagnato nella Preghiera dalla Pastorale giovanile e nella Animazione musicale dal Coro diocesano.

L’omelia di Cacucci è stata tutta incentrata sull’importanza dell’arte come ulteriore mezzo per ricongiungersi a Dio, in linea con il tema ispiratore di tutta la manifestazione, ossia la lettera agli artisti di Giovanni Paolo II: “La bellezza è in un certo senso l’espressione visibile del bene, come il bene è la condizione metafisica della bellezza”.

Tra gli altri momenti di preghiera per tutta la settimana ci sarà l’Adorazione Eucaristica in Sant’Anna, così come tradizionale è divenuto l’appuntamento del Rosario della Beata Elia, guidato da Mons. Alberto D’Urso nella Piazzetta S. Marco.

Nella giornata di domenica è stata invece inaugurata la parte teatrale di Notti Sacre con la lettura scenica di Leonardo Lestingi, “Passare delicatamente la mano”, un monologo in versi di Davide Rondoni, ispirato alla vicenda di Eluana Englaro.

Lestingi ci confida di aver già portato questa lettura in provincia con notevole successo, certamente il tema è provocatorio e qualcuno in precedenza ha lasciato la sede della lettura dopo pochi minuti,  nessuno si è però mosso ieri sera nella chiesa di santa Teresa dei Maschi.

Emozione e silenzio, tanti interrogativi, una riflessione non scontata per un contesto cattolico, il tutto espresso da Lestingi in maniera coinvolgente. Un caldo abbraccio la sua lettura.

Sullo sfondo, oltre la magnifica chiesa, anche una bella installazione di Onelia Greco, il silenzio delle cose:”parole di cARTa”.

La serata si è poi conclusa nella Chiesa di San Gaetano  con il concerto del quartetto d’archi AlterAzioni con  Clelia Sguera violino I, Pala Pesce violino II, Mattero Notarangelo Viola, Donatella Milella Violoncello, Angelo De Marzo Organo, Angelo De Leonardis basso-baritono.

La Chiesa era gremita di gente, seduta ovunque anche per terra. Mozart, Piccinni, Bach, Traetta, le loro note echeggiavano dentro e fuori le mura di San Gaetano. Soddisfatti gli spettatori, felici e bravissimi gli esecutori.

Tra le altre novità di quest’anno Notti Sacre 2012 ha lanciato il Concorso “Poesia InAttesa”. Durante le serate previste all’interno della manifestazione visitatori e spettatori potranno partecipare al concorso “Poesia InAttesa”. Ogni sera sarà possibile affiggere alla bacheca posta davanti ai locali della chiesa della Vallisa una propria composizione (poesie e/o riflessioni “poetiche”, max quindici versi/righe) autografata e con contatto mail e/o numero di cellullare. Per ogni giornata una giuria nominata dalla Stilo Editrice sceglierà il componimento migliore. Alla fine della manifestazione, dei sei componimenti prescelti ne verrà selezionato uno che verrà premiato con la lettura pubblica, la pubblicazione sul sito internet della Stilo Editrice e con un premio in libri preparato dalla giuria. I criteri di riferimento per la selezione dei componimenti sono:

– scioltezza metrico/linguistica

– aderenza al titolo/tema del concorso

La locandina di Notti Sacre 2012, ispirata ai temi della rassegna, arte, musica, pensiero, preghiera e spettacolo, rappresenta un Angelo che abbraccia nell’anno della Fede ed è stata disegnata anche quest’anno da Michele Damiani.

ItaliaNotizie continuerà a seguire gli eventi di Notti Sacre per quello che sarà possibile e pubblicherà le foto sulla sua pagina FB ma consentitemi una osservazione personale.

Ho ascoltato attentamente lo sfogo dell’organizzatore di Notti Sacre, direttore artistico di questa manifestazione e direttore dell’Istituto Diocesano per Animatori Musicali della Liturgia , Don Antonio Parisi, e sono rimasta colpita dalle sue parole.

Tutti gli artisti che hanno dato l’adesione all’evento lo hanno fatto in maniera gratuita, non è previsto nemmeno il rimborso spese per la benzina per coloro che vengono da fuori. Nessun finanziamento da parte degli enti pubblici per Notti Sacre.

E’ vero c’è la crisi, crogioliamoci tutti in questa idea ma in realtà sappiamo benissimo che i soldi vengono usati anche per fare altro, cose di utilità discutibile, mentre tutte le arti vengono declassate al di sotto di una sagra di paese. Notti Sacre ha dato ospitalità anche alle arti figurative, numerose sono le installazioni presenti nelle varie Chiese, “non si può offrire altro, almeno li ospitiamo”, queste le dure parole di Parisi: “I giovani artisti muoiono di disperazione”.

Eppure a San Gaetano le persone erano sedute a terra. C’è sete di arte, sete di cultura, la città risponde Bene a questi eventi,  ma nemmeno per i mass media Notti Sacre ha avuto valore. Ci tengo ad esprimere questo concetto perché già altri eventi in passato come Bari, Amore mio o Costruire la Musica sono passati quasi in sordina, eppure non solo sono piaciuti ma i casuali passanti erano stupiti dalla mancanza di pubblicità. Noi poveri giornalisti di testate minori poco possiamo fare contro questo disinteresse mediatico o politico ma come Don Antonio continueremo ad avere fiducia che un po’ alla volta le cose possano cambiare. Noi ce la mettiamo tutta!

Programma di Notti Sacre 2012

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*