L’economia sociale in seminario

Print Friendly, PDF & Email

Si svolgerà a Ragusa il 23 e 24 novembre 2012 il Secondo Seminario sull’Economia sociale promosso ed organizzato dal Consorzio “La Città Solidale”.

“Il seminario – spiega Aurelio Guccione, presidente del Consorzio – intende porre al centro della discussione il ruolo della cooperazione come leva e motore dell’occupazione. Non ci stancheremo di ripetere che, mentre tutti gli altri settori registrano un momento di crisi e di perdita di posti di lavoro e di ore di produttività, il mondo delle cooperative riesce, nonostante tutto, a reggere i livelli occupazionali. In alcuni casi, in particolar modo nella cooperazione sociale, assistiamo persino ad un lieve incremento delle ore di impiego e ad una loro stabilizzazione”.

La ridistribuzione del reddito, dunque, come possibile chiave per uscire dalla crisi ed alimentare un modello di sostenibilità sociale.

“Vorremmo che da questo seminario – prosegue Guccione – scaturissero idee e proposte innovative per le politiche sociali. Dobbiamo puntare ad una idea di sviluppo complessiva per l’essere umano. Occorre uscire da ogni logica di assistenzialismo e lavorare per un nuovo welfare. La provocazione che vorremmo lanciare alle pubbliche amministrazioni è quelle di accorpare l’Assessorato alle politiche sociali con quello per lo Sviluppo economico. Si tratta, a nostro avviso, di due ambiti che devono andare di pari passo. Senza sviluppo non può esserci benessere sociale. Questo le cooperative lo hanno capito. Adesso bisogna spiegarlo con maggiore chiarezza alla politica. Sviluppare l’economia non significa fare più soldi. Vuol dire, piuttosto, creare condizioni di benessere condiviso per tutti. Ecco perché continuiamo ad auspicare un futuro in cui si possa sviluppare sempre più la collaborazione tra enti pubblici e privati, ma anche tra realtà del no profit” e del profit”.

Al seminario di Ragusa parteciperanno figure di rilievo nazionale del mondo economico e sociale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*