Giro di boa

Print Friendly, PDF & Email

Si gioca domenica l’ultima giornata del girone di andata del campionato di rugby di serie C con il Padua Rugby Ragusa che sarà impegnato in trasferta, sul campo del Miraglia Agrigento, formazione che al momento, con 4 punti, occupa la settima posizione, frutto di una sola vittoria (con il fanalino di coda Xiridia Floridia) e ben 6 sconfitte.
Una squadra che non dovrebbe quindi impedire ai ragazzi del presidente Tumino di tornare a Ragusa con i cinque punti, vincendo così il titolo, platonico ma sempre significativo, di campione d’inverno.
L’allenatore biancazzurro, Massimiliano Vinti, non si nasconde dietro un dito ma si dimostra diffidente nei confronti delle cosiddette partite facili: «Le partite si vincono in campo, mica con i pronostici. Per questo, prima di esultare, è bene aspettare domenica pomeriggio. Però, è chiaro che una squadra come la mia, che punta a vincere il campionato, non deve aver paura di nessuno. Andremo ad Agrigento per i cinque punti, per allungare la striscia vincente, per trascorrere le vacanze di Natale da capolista imbattuta».
Se da un lato, dunque, l’avversario è di quelli abbordabili, dall’altro il Padua si presenterà sul campo di Realmonte in formazione rimaneggiatissima.
«Ci sarà un grosso turnover: abbiamo quattro o cinque infortunati, un paio di influenzati e dovremo fare i conti con la squalifica di Peppe Modica. Per fortuna abbiamo una panchina lunga e le cosiddette “riserve”, così com’è stato domenica scorsa con il Syrako, non faranno rimpiangere gli assenti».
A proposito della partita di domenica scorsa, non si sono ancora spente le polemiche legate all’arbitraggio.
«Non essendo presente a bordo campo, quando ho saputo dei tanti cartellini gialli, mi ero arrabbiato con i miei ragazzi. Ma in settimana ho visto la registrazione della partita e mi sono reso conto che noi abbiamo giocato un rugby pulito e che invece l’arbitro ha consentito ai nostri avversari di fare di tutto. Per questo voglio ringraziare i miei giocatori, che non si sono disuniti, rimanendo compatti e portando a casa una partita che è diventata difficile per il solo fatto di aver giocato per quasi tutti gli ottanta minuti con uno o due uomini in meno. Vincere in queste condizioni non è facile, esserci riusciti dimostra la nostra forza, dentro e fuori dal campo».
Miraglia Agrigento-Padua Rugby Ragusa, con inizio alle 14:25, sarà trasmessa in diretta streaming su www.ragusarugby.it e www.rugbyterzotempo.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*